Ιταλική γλώσσα

Ένα ιστολόγιο αφιερωμένο στην Ιταλία, στην ιταλική γλώσσα και στην εκμάθηση της...
English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified

mercoledì 30 marzo 2011

Esercizi: Espressioni idiomatiche


Espressioni idiomatiche

















1. Completa le frasi con le parole della lista:


Bocca-braccio-capello-fronte-ginocchio-gomito-lingua-mani-mano-naso-occhio-orecchio
 
 




1. Ho chiamato un taxi che non é venuto: Ho un diavolo per_________ .............................!
 (sono molto arrabbiato)
2. Giorgio ha molto..........................: suona la chitarra e il pianoforte. (ha molta sensibilita per la musica)
3. Il mio capo è un uomo alla............................ (è informale, facile da trattare).
4. In generale glia italiani sono di.................................(mangiano di tutto)
5. Non potrei lavorare senza Caterina: è il mio.........................destro! (una persona fondamentale sul lavoro)
6. In questo quartiere le case costano un...................... della testa (sono molto care)
7. I miei nonni sono emigrati e hanno fatto fortuna; se la sono guadagnata con il sudore della.................... (con il duro lavoro)
8. Carla non ha proprio la.........................lunga (parla troppo)
9. Per gli affari ci vuole..............................(intuito)
10. Ogni volta che esco compro qualcosa; ho le.........................bucate (spendo molti soldi)
11. Dopo la guerra l Italia era in....................(a terra)
12. In alcuni oaesi la gente alza il.....................più che in altri (beve troppo)

martedì 29 marzo 2011

15 anni di Edilingua

15 anni di Edilingua
Cari colleghi,
in occasione dei suoi 15 anni (1996-2011), Edilingua organizza un video-corcorso per studenti d’italiano.
Il concorso è indirizzato a tutti gli studenti che in piccoli gruppi, e sotto la guida del/della proprio/a insegnante, dovranno realizzare un breve video ispirato a un dialogo, a scelta, dei corsi di lingua pubblicati da Edilingua:
Forte!Progetto italiano Junior,Nuovo Progetto italiano.
Infatti, il concorso prevede tre categorie distinte in base ai tre corsi di lingua citati e di conseguenza premi per ciascuna categoria. Naturalmente, ogni scuola e insegnante potrà partecipare con più gruppi.
I video dovranno essere caricati dagli studenti su dei canali youtube che saranno creati ad hoc e verranno premiati quelli più cliccati e valutati positivamente da una apposita commissione in base all’originalità, ai contenuti linguistici e non, e così via.
A presto con maggiori delucidazioni su come partecipare al concorso e quali saranno i premi in palio, per studenti, insegnanti e scuole!
Buon lavoro e un cordiale saluto!
Edizioni Edilingua  15 anni di innovazione didattica

Δελτίο Τύπου Varia Lecto, παρουσίαση βιβλίου



Αγαπητοί μας φίλοι,

Ο εκδοτικός οίκος varia lecto σε συνεργασία με τον ιταλικό εκδοτικό οίκο Guerra Edizioni σας προσκαλούν στην εκδήλωση με θέμα:

Παρουσίαση της μεθόδου   Nuovo Rete!

Libro attivo. Video, audio e esercizi interattivi a disposizione della classe per apprendere l'italiano rispettando i diversi stili di apprendimento e imparare in modo efficace e divertente.

Η εκδήλωση θα πραγματοποιηθεί:
Στη Θεσσαλονίκη, την Τετάρτη 13 Απριλίου, από τις 16:00 έως τις 18:00, στο χώρο εκδηλώσεων του  Ιταλικού Μορφωτικού Ινστιτούτου Θεσσαλονίκης  (Φλέμινγκ 1).
Στην Κέρκυρα, την Πέμπτη 14 Απριλίου, από τις 11:00 έως τις 13:00, στο ξενοδοχείο ΑΡΗΤΗ (Ναυσικάς 41, Κανόνι).
Στην Αθήνα, την Παρασκευή 15 Απριλίου, από τις 11:00 έως τις 13:00, στο ξενοδοχείο ΤΙΤΑΝΙΑ (Πανεπιστημίου 59).

Στην ομιλία της, η Κα Rosa Errico, συγγραφέας εκπαιδευτικών βιβλίων και εκπαιδευτική συνεργάτης του ομίλου Guerra Edizioni, θα αναπτύξει τα ιδιαίτερα χαρακτηριστικά της νέας σειράς για ενήλικες Nuovo Rete!,τονίζοντας τη σημασία διδασκαλίας των ιταλικών με τη χρήση νέων τεχνολογιών διαδραστικού χαρακτήρα. Θα παρουσιαστούν μέσα από παραδείγματα οι δυνατότητες εμπλουτισμού και εκσυγχρονισμού του τρόπου εκμάθησης της ιταλικής γλώσσας μέσω της χρησιμοποίησης ψηφιακού υλικού.
Παράλληλα, θα απαντήσει σε ερωτήσεις και προβληματισμούς καθηγητών της ιταλικής γλώσσας ενώ θα γίνει μία σύντομη συγκριτική παρουσίαση των μεθόδων
Nuovo Rete! και Italiano: Pronti, Via!
Κατά τη διάρκεια της εκδήλωσης θα διανεμηθεί στους συμμετέχοντες δωρεάν εκπαιδευτικό υλικό.
H συμμετοχή στην εκδήλωση είναι ελεύθερη.
Για κρατήσεις θέσεων παρακαλούμε επικοινωνήστε μαζί μας μέσω ηλεκτρονικού ταχυδρομείου στη διεύθυνση info@varialecto.gr σημειώνοντας:
·         το ονοματεπώνυμό σας,
·         την πόλη όπου θα παρευρεθείτε,
·         ένα τηλέφωνο επικοινωνίας.
Εναλλακτικά, μπορείτε να μας τηλεφωνήσετε στο 210 3234380.
Τέλος, θα σας παρακαλούσαμε να προωθήσετε την παρούσα επιστολή σε οποιονδήποτε πιστεύετε πως θα τον ενδιέφερε το θέμα της εκδήλωσης.
Με εκτίμηση,
H ομάδα της varia lecto

Gianni Rodari: L'AVVENTURA DELLO ZERO


L'AVVENTURA DELLO ZEROdi Gianni Rodari

C'era una volta
un povero Zero
tondo come un o,
tanto buono ma però
contava proprio zero e
nessuno
lo voleva in compagnia.
Una volta per caso
trovò il numero Uno
di cattivo umore perché
non riusciva a contare
fino a tre.
Vedendolo così nero
il piccolo Zero,
si fece coraggio,
sulla sua macchina
gli offerse un passaggio;
schiacciò l'acceleratore,
fiero assai dell'onore
di avere a bordo
un simile personaggio.
D'un tratto chi si vede
fermo sul marciapiede?
Il signor Tre
che si leva il cappello
e fa un inchino
fino al tombino...
e poi, per Giove
il Sette, l'Otto, il Nove
che fanno lo stesso.
Ma cosa era successo?
Che l'Uno e lo Zero
seduti vicini,
uno qua l'altro là
formavano un gran Dieci:
nientemeno, un'autorità!
Da quel giorno lo Zero
fu molto rispettato,
anzi da tutti i numeri
ricercato e corteggiato:
gli cedevano la destra
con zelo e premura
(di tenerlo a sinistra
avevano paura),
gli pagavano il cinema,
per il piccolo Zero
fu la felicità.

(Gianni Rodari)
dal libro delle filastrocche

Orale Celi 3, Προφορικά B2: traffico

Parole Chiavi: traffico, vettura/veicolo, auto/macchina, camion, autostrada, le ore di punta, esodo di vacanze, conducente




















Parole Chiavi:
traffico, strisce pedonali, pedone, attraversare la strada, attraversare sulle strisce, segnaletica, ore di punta, pericolo, conducente/guida

Versi: Piu che puoi Eros Ramazzoti-Cher

Piu che puoi (clicca per ascoltare)




Guarir non è possibile
la malattia di vivere                                                      
sapessi com'è vera
questa cosa qui

E se ti fa soffrire un po´
puniscila vivendola
é l'unica maniera
sorprenderla cosi...

Più che puoi, più che puoi
afferra questo istante e stringi
Più che puoi, più che puoi
e non lasciare mai la presa
c'è tutta l'emozione dentro che tu vuoi
di vivere la vita più che puoi

You´ve got a chance, the gift to feel
love´s deepest pain you cannot heal
it shatters every memory that you
keep inside

I tell you this because i know
protect what´s dear, don´t trade your soul
'cause there´s nothing left around you
and there´s no place left to go

All you can, all you can
you gotta take this life and live it
all you can, all you can
and never let it go
'cause there´s one thing in this life I understand, ooh

Siamo noi, siamo noi
che abbiamo ancora voglia di stupire noi
siamo noi
la teniamo sempre accesa
quest'ansia leggerissima che abbiamo un po'
di vivere la vita piú che puoi

Respira profondo
apri le tue braccia al mondo
abbraccia tutto quello che ci sta
tutta l'emozione che ci sta

All you can, all you can
you gotta take this life and live it
all you can, all you can
and never let it go
'cause there´s one thing in this life I understand, ooh

Più che puoi, più che puoi
afferra questo istante e stringi
Più che puoi, più che puoi
e non lasciare mai la presa
c'è tutta l'emozione dentro che tu vuoi
di vivere la vita più che puoi

di vivere la vita piú che puoi

Più che puoi





Parole Chiavi:

guarire γιατρεύω
malattia αρρώστια
soffrire υποφέρω
punire (puniscila) τιμωρώ
afferare αρπάζω
lasciare αφήνω
istante στιγμή
emozione συναισθημα
abbraccia αγκαλιάζω
ansia άγχος

Orale Celi 3, Προφορικά B2: Inquinamento

 Parole chiavi:
spiaggia piena di rifiuti, inquinamento,
ambiente, l'immondizia, sacchetti di plastica,
raccolta differenziata, spazzatura, bidone/contenitore,
 ecologia, riciclaggio,ecosistema, materie biodegradabili, riffiuti tossici/radioattivi, inquinamento delle acque, degrado ambientale, ambientalista,








                                                                                                 Parole chiavi
inquinamento atmosferico, smog, misure ambientalistiche, coscienza/mentalita ecologica, gas di scarico, buco dell'ozono/effetto serra


Celi Ιούνιος 2011: Ξεκίνησαν οι εγγραφές!

ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ CELI 2011
UNIVERSITA` PER STRANIERI DI PERUGIA

ΕΞΕΤΑΣΤΙΚΗ ΠΕΡΙΟΔΟΣ CELI -

ΙΟΥΝΙΟΣ 2011: Όλα τα επίπεδα (CELI 1,2,3,4,5)
Γραπτή εξέταση: 20/06/2011
Προφορική εξέταση: από 21/06/2011
Εγγραφές: 28/03/2011 – 29/04/2011


ΠΡΟΣΟΧΗ: Κάθε υποψήφιος υποχρεωτικά πρέπει να λάβει μέρος και στις δύο ενότητες (γραπτή-προφορική εξέταση). Αν ο υποψήφιος απορριφθεί σε μια από τις δύο ενότητες, τότε έχει δικαίωμα μέσα σε διάστημα ενός έτους από την ημερομηνία κατοχύρωσης, να επαναλάβει την ενότητα στην οποία απορρίφθηκε. Σε οποιαδήποτε άλλη περίπτωση, επαναλαμβάνει ολόκληρη την εξέταση(γραπτή και προφορική).

ΑΠΑΙΤΟΥΜΕΝΑ ΔΙΚΑΙΟΛΟΓΗΤΙΚΑ ΓΙΑ ΤΗΝ ΕΓΓΡΑΦΗ
• Φωτοτυπία δελτίου ταυτότητας, διαβατηρίου ή άλλο νόμιμο αποδεικτικό ταυτοπροσωπίας
• Αίτηση εγγραφής που χορηγείται από το Ιταλικό Ινστιτούτο συμπληρωμένη με κεφαλαία και ΛΑΤΙΝΙΚΟΥΣ χαρακτήρες
• Απόδειξη κατάθεσης εξέταστρων
Τα εξέταστρα θα κατατεθούν στον τραπεζικό λογαριασμό της Εθνικής Τράπεζας 129/480364-75 (IBAN: GR84 0110 1290 0000 1294 8036 475) και είναι:
110 ευρώ για ολόκληρη την εξέταση
78 ευρώ μόνο για γραπτά ή προφορικά

ΠΡΟΣΟΧΗ: Στην απόδειξη κατάθεσης θα πρέπει να αναγράφεται το ονοματεπώνυμο του υποψηφίου.

Οι μαθητές του Ιταλικού Μορφωτικού Ινστιτούτου καθώς και οι μαθητές της Ιταλικής Σχολής Αθηνών έχουν 50% έκπτωση στα εξέταστρα CELI.
• Τυχών σοβαρά αιτήματα παρακαλείσθε να τα δηλώσετε στην αίτηση εγγραφής και θα εξετασθούν εφόσον δεν δημιουργούν προβλήματα στην οργάνωση του προγράμματος των εξετάσεων και υποβληθούν έγκαιρα με επίσημα δικαιολογητικά. Αλλαγές στις ώρες και τις ημέρες των προφορικών μετά την κατάθεση των αιτήσεων δεν γίνονται δεκτές.
• Σε περίπτωση που 5 ημέρες πρίν από την ημερομηνία έναρξης των γραπτών εξετάσεων δεν λάβετε γραπτή ειδοποίηση με το πρόγραμμα παρακαλείσθε να επικοινωνήσετε με το γραφείο CELI στο τηλ. 210 5242646 και fax: 210 5242714 E-mail : celi.iicatene@esteri.it
• Για άτομα με ειδικές δεξιότητες να προσκομίσετε πρόσφατη βεβαίωση από δημόσιο φορέα ή από Ιατροπαιδαγωγικό Κέντρο
Για περισσότερες πληροφορίες:
• Καθημερινά στο Ιταλικό Μορφωτικό Ινστιτούτο Αθηνών
Πατησίων, 47 10433 Αθήνα, τηλ. 2105242646, fax: 2105242714
Ηλεκτρονική διεύθυνση:www.iic.gr. E-mail : celi.iicatene@esteri.it

Chiavi: Ascolto Medio: 24. Sud Africa


24. Sud Africa
Voci due: primo giornalista (G1), seconda giornalista (G2)
G1 Ecco, quanto la gente si aspetta che cambi con le elezioni attuali?
G2 Moltissimo. Si aspettano tutti che cambi molto, soprattutto sul piano del le pro -
spettive. Non c’è..., credo che molta gente abbia capito che il cambiamento non
sarà molto veloce e cioè ci saranno alcuni anni, ci vorranno alcuni anni perché le
cose migliorino sul piano pratico. Però c’è un miglioramento di speranza direi,
cioè molta gente ritiene che adesso si possa cominciare a ricostruire questo paese
che è un paese del resto molto bello, e che ha vissuto degli anni assolutamente
tragici e che adesso, invece, ha una situa zione con tanti problemi, con tante difficoltà,
però di speranza sostanzialmente. Infatti, nelle strade di Soweto, lunedì se -
ra, soprattutto quando poi la N.C. ha annunciato la propria vittoria, che è un po’
una vittoria anche di tutti quelli che hanno creduto in una sorta di giustizia gene -
rale, c’erano nelle strade di Soweto, ci sono stati cortei spontanei, ci sono stati fuochi,
danze intorno ai fuochi, ecc., insomma non solo a Soweto, voglio dire, Soweto
perché, lo dico perché è conosciuta tra tutte le town-ship sia nella zona dove
sto io qui a Johannesburg, sia nella zona del Capo; era una cosa molto molto spon -
tanea; perché non era per niente organizzata.
G1 Certo, tu dici, io ne approfitto anche per chiedere, visto che siamo in collegamen -
to, sia Veronesi, che Boccitto, che a Barbara Ramazzotti, se vogliono rivolgere
delle domande. Tu dici che la gente ha abbastanza una prospettiva a medio termine.
Ma in realtà continua a essere stridente l’idea che in fondo questo è il paese
di gran lunga più ricco e potenzialmente più florido di tutto il continente africano.
E che, invece, ha una dimensione non soltanto io credo legata al problema del -
l’Apar theid, ma comunque una dimensione di povertà drammatica a veder le im -
ma gini che spesso ci giungono.
G2 Ma ha una dimensione di povertà incredibile e devo dire che le immagini di solito
sono riferite a situazioni urbane, in cui la povertà è estrema, ma non è così forte
come in certe zone rurali, del resto, però... ed è molto stridente senz’altro perché
è una cosa quasi, quasi incomprensibile, impossibile da spiegare; la diversità che
c’è tra le zone bianche, dove si vive in condizioni direi occidentali, con lo stesso
livello di tecnologie disponibili, con lo stesso livello di comodità ecc., e il terzo
mondo, che è il piccolo insomma, cioè quello che ci aspettiamo come terzo mon -
do che si trova a distanza di 5 km l’uno dall’altro, insomma.
CHIAVI
1. 1a, 2a, 3d, 4c
2. 1. piano delle prospettive, 2. a ricostruire questo paese, 3. per niente organizzata,
4. tutto il continente africano, 5. certe zone rurali, 6. l’uno dall’altro

Chiavi: Ascolto Medio: 23. Fellini multimediale


23. Fellini multimediale
Voci tre: prima giornalista (G1), seconda giornalista (G2), direttore (D.)
G1 È stato presentato oggi a Roma “Tutto Fellini”, l’ultima novità della EDITEL, rea -
lizzata in collaborazione con l’Ente dello spettacolo. Si tratta del terzo titolo della
pri ma collana di editoria elettronica italiana, dedicata interamente al ci nema. Il ser -
vi zio è di Rita Salerno.
G2 Un progetto che si rivelerà molto utile nella pubblicistica cinematografica; il cdrom
ha infatti un vestito accattivante, con il contenuto di un’enciclopedia e l’ap pa -
renza di un videogame. Ed è in grado di attirare chi, come i ragazzi, non ama passare
il tempo sui libri. La definizione dell’ultimo prodotto multime dia le, noto sul
mercato italiano, è di Andrea Piazzianti, presidente dell’Ente del lo spettacolo, che
ha curato alcune delle sezioni dell’opera dedicata al maestro recentemente scomparso.
Sei ore che raccolgono la filmografia completa, inclusi i film diretti, le sce -
neggiature e i soggetti cinematografici realizzati per altri autori. Per saperne di più
su questo progetto abbiamo intervistato Andrea Piazzianti, direttore dell’Ente dello
spettacolo.
D. L’idea del progetto Fellini nasce dal desiderio di commemorare quello che con si -
deriamo forse uno dei più grandi registi del cinema italiano. Il desiderio è nato nel
pe riodo immediatamente precedente la morte di Fellini. Lo scopo era quello di da -
re al pubblico interessato tutti gli strumenti culturali per capire, per conoscere, per
studiare, per apprezzare, per amare l’opera di questo gran de regista. Questo per noi
è un motivo di piacere; motivo perché l’opera è stata l’ultima opera curata dal no -
stro presidente, da Sergio Trassatti, che è morto purtroppo improvvisamente e prematuramente
il 16 dicembre scorso; aveva soltanto 54 anni. Ed è stata l’ultima co -
sa che lui ha fatto per l’Ente dello spettacolo e questo ci fa molto piacere.
G2 Che prospettive apre questo tipo di progetto?
D. Mah, il progetto di una collana di editoria elettronica dedicato al cinema è un pro -
getto che noi speriamo di portare avanti per i prossimi 2.000 anni. Siamo con vinti
che sia lo strumento di comunicazione del futuro e siamo convinti che anche da
par te dell’organizzazione cattolica sia giunto il momento di rimboccarsi le mani -
che e di occuparsi anche di questi nuovi strumenti.
G2 Ho visto che siete già al terzo titolo. Volevo sapere il riscontro sul mercato ita liano
di questo tipo di prodotto.
D. Mah, i primi due titoli sono già arrivati alla terza ristampa. L’attenzione da par te
del mercato italiano c’è, è molto alta e questo ci fa ben sperare per il futuro.
CHIAVI
1. 1c, 2c, 3b, 4d, 5a
2. 1. interamente al cinema, 2. di un videogame, 3. maestro
recentemente scomparso, 4. la morte di Fellini, 5. ci fa molto piacere

Chiavi: Ascolto Medio: 22. Cronaca


22. Cronaca
Il servizio di Nicolò Vecchio.
“Ma’, apri la porta e dammi i soldi, altrimenti metto fuoco al trullo”. Sono le paro -
le incise sul nastro magnetico che hanno tradito Silvano Pugliese, il tossicodipendente
di 25 anni, accusato di aver ucciso la madre, Donata Bal samo, e il suo convivente,
Giovanni Caliandro, nelle campagne di Ceglie Mes sapica, in provincia di
Brindisi. Da quando le era calata la vista, la don na portava sempre con sé un re -
gistratore che metteva in funzione ogni volta che bussavano alla porta. Fece così
anche la sera del 26 aprile; quando gli inquirenti hanno ascoltato l’audiocassetta
hanno potuto ricostruire tutta la vicenda. Si sentono varie voci provenire da fuori.
Evidentemente c’era più di qualcuno. Poi una voce più nitida, già sentita. Sarebbe
quella del figlio della donna che chiedeva alla madre di aprire. Il nastro continuava
a girare e registrava tutto. Si ode perfettamente il rumore dei sassi contro la
porta. So no morti così, per asfissia, Donata Balsamo e Giovanni Caliandro. Tutta -
via, per avere una conferma inoppugnabile che la voce incisa sulla cassetta sia
pro prio quella del figlio della donna, bisognerà attendere l’esito di una perizia fo -
nica già predisposta dal magistrato.
CHIAVI
1. 1c, 2d, 3c, 4b

Chiavi: Ascolto Medio: 21. La pagina della cultura


21. La pagina della cultura
Voci tre: prima giornalista (G1), seconda giornalista (G2), professore (P.)
G1 La pagina della cultura: è una giovane studiosa di 25 anni la traduttrice che per
prima, dopo tanti anni, ha avuto il coraggio di affrontare uno dei testi più dif -
ficili della letteratura in lingua inglese, l’Ulisse di Joyce. Un evento edi to riale
pro posto dalla Shakespeare and Company che farà piacere non solo agli appassionati
dello scrittore irlandese. Sentiamo Federico Pietra Nera.
G2 Finora dell’Ulisse esisteva una solo traduzione in italiano. Quella portata a ter -
mine nel 1960 da Giulio de Angelis. Poi aggiornata, man mano che dell’origi -
nale inglese venivano corretti gli errori di stampa. Questa nuova tra du zione del
capolavoro di Joyce è stata fatta da una studiosa venticinquenne, Bona Flecchia.
All’anglista professor Masolino d’Amico chiediamo di spiegarci perché
è importante avere una nuova traduzione dell’Ulisse.
P. È bellissimo che si facciano delle nuove traduzioni; anche perché io dico sempre,
le traduzioni sono come i cani, sono fedeli, ma invecchiano più rapidamente
del padrone. Cambiano, cambia il modo di sentire, cambia il modo di
ca pire le cose e poi, siccome le traduzioni non possono mai essere perfette, le
nuove traduzioni sono sempre... sono spesso meglio. Tengono conto delle co -
se buone, spero, di quelle passate e ne aggiungono delle altre. Quindi, è un’ot -
tima cosa. Poi, un’opera così difficile, complessa, arzigogolata... anche se que -
sta traduzione non fosse buona come la precedente, anche... averne due è sem -
pre... due punti di riferimento. Quindi, la notizia è positiva.
CHIAVI
1. 1. in lingua inglese, 2. gli errori di stampa,
3. rapidamente del padrone, 4. ne aggiungono delle altre
2. 1V, 2F, 3V, 4F, 5V, 6F

Chiavi: Ascolto Medio: 20. Mafia


20. Mafia
Un tasso di delinquenza (politica), di delinquenza è fisiologico in tutti i Paesi. In Ita -
lia ha una caratteristica diversa, perché? Perché nel Sud “Cosa Nostra” si è inseri to
in un contesto sociale, che è quello che richiamavo prima, di un Paese a cui le strut -
ture dello Stato sono state imposte dall’alto, in una popolazione a cui..., che si è vista
imporre dall’alto delle strutture statuali estranee alla sua cultura, la delin quen za or -
ganizzata si è posta come alternativa allo Stato. Cioè, per ottenere un... qual che cosa,
giustizia, no?, il contadino X mi invade il mio campo e dice che 10 metri del mio
campo sono suoi. Se io mi rivolgo ai carabinieri, ci metto 10 anni per avere ra gione;
perché devo andare a fare la denuncia, devo fare il pro cesso, ecc.. Io mi ri vol go al
ma fioso del paese, al boss del paese, questo qui, gli pago qualcosa, in 3 giorni ha ri -
solto il problema; perché va lì e dice a quello là: “se non ti togli, ti elimi no, eh?, ti
ammazzo”. Allora questo effettivamente ha un ser vizio, ma può radicarsi, la mafia
può radicarsi, perché effettivamente c’è una cultura estranea allo Stato. Cioè, se... si
serve di una cultura estranea allo Stato. Of fre a questa gente dei servizi che lo Sta to
non offre nello stesso modo, che lo Stato, cioè non è in grado di offrire nello stesso
modo, per cui si radica. Quello che è successo negli ultimi anni, questo ri guarda l’o -
rigine storica, perché la mafia ha preso..., ha messo delle radici così for ti; sapete che
in Sicilia, sono delle stime, ma sembra che almeno il 40-45% dell’attività economica
sia controllata dalla Mafia, no? E non è una stima molto esagerata. Quindi, vuol
dire che la mafia ha messo delle radici molto, molto profonde. Le ha messe per que -
sto motivo. Della lontananza e della inefficienza delle strutture statali. Ma l’inef -
ficienza delle strutture statali è dovuta anche all’impreparazione, alla mancanza di
co scienza civica di..., della popolazione. La mancanza di coscienza civica della po -
po la zione storicamente è dovuta a come si è realizzata l’unità italiana. Alle mo dalità
in cui si è rea lizzata l’unità italiana. Quindi, questo è spiegabilissimo. Questo, però,
va le per il passato. Per adesso, ormai, c’è una..., soprattutto da quando devo dire
che... anche la Chiesa cattolica ha avuto un’importanza notevole in questo cambiamento
di mentalità. Ultimamente sono stati uccisi dei parroci, dei sa cerdoti, no? Perché?
Perché la Chiesa cattolica si è schierata decisamente contro l’omertà, contro la
cultura dell’indifferenza; cioè prima la mafia poteva passare perché o uno fa c e va
finta o era d’accordo, cioè li ammira perché dicono “mi danno le cose che lo Sta to
non mi dà”, oppure faceva finta di non vedere, no? Cioè, c’è il di scorso dell’omertà,
op pure aveva paura a denunciare, per cui non denunciava.
CHIAVI
1. 1c, 2b, 3d, 4b
2. 1. allo Stato, 2. ci metto dieci anni, 3. estranea allo Stato, 4. sia
controllata dalla Mafia, 5. l’unità italiana, 6. la cultura dell’indifferenza

Chiavi: Ascolto Medio: 19. Stasera a Milano


19. Stasera a Milano
Sempre questa sera, alle ore 21.00, presso la Triennale di Milano, in viale Allema -
gna 6, nell’ambito della serie di conferenze “Architetti, progetti e cit tà d’Europa”,
organizzato dalla Triennale di Milano, dalla ARCH, dal CRI FA, l’architetto Ma -
nuel Grassa Dias parlerà dei suoi progetti recenti.
Gli alunni del liceo milanese Bertrand Russel puliscono la metropolitana: giovedì
5 maggio, dalle ore 15.30, due classi del liceo prenderanno in consegna la stazione
Loretto della metropolitana, linea 1, ed inizieranno a pulirla da scritte e graffiti.
L’ini ziativa è promossa da insegnanti ed allievi delle prime classi del liceo Ber -
trand Russel.
Proseguono sino al 7 maggio, alle ore 21.00, le repliche di “La casa di Ber narda
Alba” di Federico Garcia Lorca, allestito dagli allievi della scuola d’ar te dramma -
tica “Paolo Grassi”, diretta da Carlos Martin. Alla sala teatrale della scuola, in via
Salasco 4. L’ingresso è gratuito.
Al chiostro di via Molino delle Armi 45, alle ore 20.30, concerto di May e Gu -
glielmo Hemingsen, soprano e pianista. I due artisti argentini propongo no tra
l’altro pagine di Tosti, di Verdi e dello stesso Hemingsen. L’ingresso è libero.
Al museo di storia contemporanea Franco Della Perutta, Piero del Negro e Giorgio
Rochat presentano il libro di Nicola Labanca “In marcia verso Adua”, edito
dall’Einaudi. Questa sera alle 17.30, in via Sant’Andrea 6.
Nico Orengo e Gaia Servadio presentano alla libreria Feltrinelli il libro di Boris
Bian cheri “L’ambra del Baltico”, edito dalla Feltrinelli. Interviene l’autore, in via
Man zoni 12, questa sera, alle ore 18.00.
CHIAVI
1. 1V, 2F, 3F, 4V, 5F, 6F, 7F, 8F
2. 1. suoi progetti recenti, 2. insegnanti ed allievi,
3. dall’Einaudi, 4. alla libreria Feltrinelli

Chiavi: Ascolto Medio: 18. Un pranzo indimenticabile


18. Un pranzo indimenticabile
Un matrimonio che non dimenticheremo mai. Erano in molti a pensarla così alla
fine di un banchetto di nozze in un grande albergo romano la scorsa settimana. Tar -
tine di pesce, risotto ai fiori di zucca, tagliatelle e funghi, arrosto con verdure,
bavarese e torta nuziale. Una gran mangiata in allegria, poi gli auguri per gli sposi
che partono per la Polinesia e tutti a casa. Ma poco dopo iniziano i dolori. Quelli
veri: mal di pancia, febbre altissima, anche un collasso. In 30 si devono ricove rare
in ospedale. Alla fine la diagnosi: salmonella per tutti, o quasi. Su 106 invitati, so -
lo 6 si sono salvati. Gli altri non sono stati risparmiati dalla malattia infettiva.
L’incredibile vicenda è accaduta a Roma in uno dei migliori alberghi della città.
Doveva essere un matrimonio da favola, ma si è trasformato in una mezza tragedia.
“Abbiamo passato giorni terribili” ha raccontato la madre della sposina. “Il
nostro telefono era diventato un centralino per ammalati, senza contare la rabbia
per quel lo che ci era costato il rinfresco”. Intanto, i responsabili dell’hotel aspettano
i risultati dell’indagine e fanno sapere di essere assicurati. E gli sposi? Ignari
e felici nei mari del Sud? Neanche per idea. Per loro il mal di pancia era già iniziato
in aereo.
CHIAVI
1. 1V, 2F, 3V, 4V, 5F, 6F, 7V, 8F
2. 1. banchetto di nozze, 2. in ospedale, 3. si sono salvati,
4. una mezza tragedia, 5. essere assicurati, 6. iniziato in aereo

Chiavi: Ascolto Medio: 17. Programmi giovanili


17. Programmi giovanili
Voci tre: prima alunna (A1), seconda alunna (A2), insegnante (I.)
A1 ...perché molta gente rimane influenzata da questi programmi, soprattutto da
uno che è formato da delle ragazze. Sono ragazze da 13 a 20 anni, diciamo, che
fanno una trasmissione ballando... sottocultura... E, quindi, influenzano un po’
i gio vani.
I. Ma voi queste trasmissioni non le guardate?
A1 Io no!
A2 Io la trovo stupida proprio perché, cioè nel senso che...
I. Stupide lo sono, sì!
A2 Non trovo...
(- A parte il fatto che sono abbastanza noiose...)
A2 Sì, fanno sempre le stesse cose. Fanno sempre le stesse cose; e poi comunque,
cioè ballano, cantano, fanno giochi sciocchi.
A1 Ma poi non sarebbe una cosa normale se, cioè, non è che non è normale, però,
siccome è formato da tutte ragazze quasi sempre poco vestite, queste cose, cioè
di solito sono i ragazzi a guardarle, che rimangono impressionati da queste ra -
gaz ze, innamorati; però noi più di tanto cioè facciamo dei piccoli commenti.
A2 Comunque, ci sono...
I. Ma non ci sono ragazzi anche?
A1 No. ...Porca miseria!
A2 Ci sono anche, ci sono anche, ci sono anche delle ragazze che... cioè il problema
è che ci sono molti che prendono, proprio come modello queste ragazze.
Cioè il problema è quello, nel senso che avere come modello una ragazza che
va in televisione a ballare, a cantare... cioè senza avere una base di cultura die -
tro, così co munque...
I. Comunque non penso che tutte le ragazze della vostra età la pensino così.
A1 No, infatti, perché... cioè... noi la pensiamo così perché, a parte che cioè ne parliamo
molto in classe, quindi la prof. ci fa riflettere; però, ci sono molte altre
ra gazze della nostra età o più piccole o più grandi che, appunto, prendono come
mo dello, come ha detto Lei, queste ragazze e, diciamo, le imitano, cercando di
es sere come loro.
CHIAVI
1. 1F, 2V, 3V, 4V, 5F, 6F
2. 1. poco vestite, 2. rimangono impressionati,
3. come modello, 4. essere come loro

Chiavi: Ascolto Medio: 16. Una professione diversa


16. Una professione diversa
Voci tre: primo conduttore (C1), seconda conduttrice (C2), pilota (P.)
C1 Una telefonata dall’alto, molto in alto. Noi siamo raccomandati. Pronto, Carlo.
P. Ehi, oplà, sono qua!
C1 Ci chiami dall’elicottero?
P. Ma no, sono appena atterrato.
C1 Ah, ecco!
P. Ho avuto una giornata intensa di volo col piacere del bel tempo, e siamo atterrati
da circa un paio d’orette.
C2 Ma Lei è pilota di elicottero come professione, intendo, è la sua professione o
un hobby?
P. Eh, no, quale hobby! Io ci lavoro, guadagno da vivere e in più, siccome ho la
for tu na di collegare insieme la professione con la passione, quindi rientra an -
che... nella classifica degli hobby.
C2 È una di quelle persone privilegiate che viene pagato per fare qualcosa che
ama fare.
P. Ringraziamo Dio, proprio così, eh.
C1 Anche tu, Monica, no?
C2 Eh, sì, be’, insomma, anche.
P. Anche Monica magari (- Sì, sì!) ...lo fa con molto piacere.
C1 Lei ama molto il rock, ama molto la radio.
P. Allora, siamo due persone privilegiate Monica, vedi ci siamo incontrati così
per ca so questa sera.
C2 Senti, qual è lo spettacolo più bello della natura naturalmente al quale hai as -
si sti to, io ti do del tu, tu mi dai del tu, ma insomma...
P. Eh, va bene.
C2 ...Al quale hai assistito dall’alto dell’elicottero, che so, un tramonto sulle Alpi,
oppure un mare meraviglioso, qual è?
P. Lo spettacolo più bello della natura a cui ho assistito, credo di ricordare, è il
mo mento del disgelo sulle Alpi piemontesi, sul Colle de Nivolet... quando,
eh..., la natu ra incomincia a rivivere e a riprendere aspetto col ritorno del bel
tempo. Di ciamo che cambia il paesaggio, si scioglie la neve, incominciano a
riem pirsi questi ruscelli pieni d’acqua, e i primi crochi incominciano a venir
fuori dalla ne ve, e quando ci si ferma su un prato, per aspettare magari di fare
un altro volo di tra sferimento, si sente proprio il profumo vivo, intenso di que -
sta natura che rientra nell’anima di tutti quanti...
Ascolto Medio 27
C2 Che bravo raccontatore che sei! Ce l’hai fatta..., l’abbiamo vista.
C1 Carlo da Torino, un poeta!
P. No, non l’ho studiato, è uscita così..., mi è uscita così spontanea, non l’ho studiato.
C2 L’abbiamo visto coi tuoi occhi, pensa.
P. Sarebbe molto bello, potervi trasferire un po’ su queste montagne piemontesi,
dove io vivo qui dal ’76 ormai, lasciando la mia vecchia Terronia...
C2 Sì, perché dall’accento non mi sembri proprio alto atesino; da dove vieni?
P. Sono campano...
C2 Eh, l’avevo capito.
P. Sono campano.
C1 Però il monte Rosa è il monte Rosa.
P. Monte Rosa e il monte Bianco, il gruppo di Gran Paradiso, il Monviso sono
tut te montagne che ormai sono quasi 20 anni che sorvolo in continuazione, e
che, di cia mo per questo lavoro, nel quale sono entrato circa 20 anni fa, come
dicevo pri ma, per un primo periodo da militare e poi successivamente dall’Ot -
tanta in avanti con abito civile ho continuato a fare questa attività.
C1 Ma l’elicottero che cosa trasporta?
P. L’elicottero trasporta tutto.
C1 Persone che vanno a sciare anche?
P. Vi trasporta perfino questa energia con la quale voi state comunicando, perché
l’elicottero è quello che è andato a costruire le linee elettriche in alta monta -
gna.
C1 Certo... Le antenne.
P. È quello che fa collegamenti con le piattaforme petrolifere sull’Adriatico.
C2 Certo. Dove lavorano centinaia di persone.
P. Centinaia di persone; che fa il servizio di soccorso.
C2 Come no, è importantissimo.
P. L’elicottero è la massima espressione della libertà.
C2 Bello, questo!
P. L’elicottero è tutto, per un essere umano che è capace di apprezzarlo e di viverlo
insieme in una maniera da fare quasi parte integrante del suo stesso corpo...






CHIAVI
1. 1b, 2a, 3b, 4d
2. 1. con la passione, 2. che ama fare, 3. sulle Alpi piemontesi, 4. queste
montagne piemontesi, 5. in alta montagna, 6. espressione della liberta

Chiavi: Ascolto Medio: 15. Due scrittori confessano


15. Due scrittori confessano
Voci tre: Dino Buzzati (B.), giornalista, Goffredo Parise (P.)
B. Il fatto è che io di indole proprio sono quasi visceralmente pessimista. E pensare
che né che questo pessimismo mi sia nato da tristi esperienze. Devo ammettere che
complessivamente nella famiglia, negli studi, nel lavoro, nella salute, io com ples -
sivamente sono stato un uomo fortunato, non posso lamentarmi. Eppure io ho avuto
sempre questa sensazione, come se dovesse succedere qualcosa di triste e di brutto.
Soprattutto io sono in un posto tranquillo e silenzioso come in campagna e ho
come la sensazione che da un momento all’altro debba capitare qualcosa di catastrofico;
non so, come un bolide, un meteorite che piombi sulla terra e la sfasci, una
roba di questo genere qui. Questo l’ho avuto sempre. E questo nei racconti probabilmente
si simbolizza, si può dire così, si estrinseca in questa minaccia diffusa nell’aria
che circonda molti dei miei personaggi. Penso che sia così. Tutto a parte, uno
scrittore è difficile che possa essere un buon interprete delle cose che ha scritto e
dei personaggi che ha messo al mondo.
Ora il grande romanziere e narratore Goffredo Parise, seduto in Piazza San Marco a Ve -
n e zia ci farà scoprire come la Piazza sia un’opera vivente, un palcoscenico in cui si rap -
presentano scenari magici, costruiti dalla gente che l’attraversa da innumerevoli anni.
P. Questa è la Piazza San Marco; è la prima Piazza San Marco che ho visto nella mia
vita, quando avevo 3 anni, 4 anni. E poi a 5 anni, l’ho vista com’è ora ed è rima sta
la più grande emozione estetica della mia vita. Ho scelto la Piazza San Marco non
tanto perché sia un’opera d’arte, nel senso che s’intende convenzionalmente, cioè
l’opera di un individuo, di un architetto, di un artista. Ma perché è una grandissima
opera d’arte della vita, cioè è la sua vitalità, il suo movimento, la sua di namica
che la rende, che dà delle grandi emozioni, insomma; non si..., non è soltanto la
chie sa o la piazza, o il senso delle proporzioni; è proprio tutto quello che ci gi ra in -
torno: dai piccioni alle pasticcerie, dal Florian alle orchestre di caffè. Non si può
pen sare una Piazza San Marco astratta, museificata. Si deve pensare proprio una...
come un’opera d’arte viva, in progress, come si direbbe. In fondo, il mio primo
romanzo, quello che ho scritto a 18 anni, “Ragazzo morto e le come te”, praticamente
si può dire che l’ho scritto in Piazza San Marco, in quanto abitavo qui vicino,
avevo una stan za qui vicino. E anche il secondo romanzo, “La gran de vacanza”.
In sostanza io ho scritto due libri, devo due libri a Venezia, ma in particolare,
a Piazza San Marco.


CHIAVI
1. 1c, 2b, 3a, 4c
2. 1. un uomo fortunato, 2. qualcosa di catastrofico, 3. messo al mondo,
4. grande emozione estetica, 5. la sua dinamica, 6. Piazza San Marco

Chiavi: Ascolto Medio: 14. Pubblica sicurezza


14. Pubblica sicurezza
Voci due: conduttore (C.), agente (A.)
C. Che ti è successo, scusa Lino, di così drammatico?
A. Ah, ma veramente niente! Sto lavorando.
C. Che lavoro fai?
A. Sono un P.S.
C. Un P.S., yeh, yeh! Cioè, un socialista?
A. No!
C. Ah, no! Eh, che è?
A. Un agente.
C. Pubblica sicurezza?
A. Affermativo.
C. Tanto l’avevo capito. Senti, poi però, pubblica sicurezza, può la pubblica sicurezza
rendere più sicura la telefonata abbassando il volume della radiolina che ha lì
sottomano?
A. Come no?
C. Grazie, agente.
A. Eh, mi prendi per i fondelli, ti diverti?
C. No, no! Per carità, che, che, perché? Oh, oh, perché dici questo? Che vuoi fare?
Non ho capito.
A. Eh, al limite, se mi dai il tuo numero di targa, glielo passo alle autovetture, dopo
di che, lasceremo fare a loro.
C. Ah, sì, che mi fanno? Sentiamo.
A. Beh, ti fanno un salutino, no?
C. Un salutino?!
A. Ti offrono il caffè.
C. Mah, gua..., io sono talmente prudente, talmente un guidatore modello che sol -
tanto il caffè possono offrirmi.
A. No, visto che all’Alberto l’abbiamo già beccato.
C. Alberto Bisi?
A. Affermativo!
C. Veramente? Ellà, ma siete…
A. Eh, ci siamo fatto quattro risate.
C. Siete, siete cattivi, eh?
A. Eh, no, per l’amor di Dio, per gli amici mai, guarda.
C. Ma, perché, ce l’avete con noi? Non ho capito.
A. No, per l’amor di Dio; invece devi sapere che vi seguiamo sia giorno e notte.
C. Meno male, meno male.
24 Ascolto Medio
A. Meno male; almeno quello, no dici tu? Almeno siete voi che ci tenete compa -
gnia visto che... Quell’amico, te hai detto che dovremmo fare il cuore solitario:
’ste ragazze manco ce guardano...
C. Perché non vi guardano, il fascino della divisa, io so che molte donne sono at -
tratte dalla divisa. Tante volte...
A. Ma va, ando stanno?
C. Tante volte lasciano voi fuori dalla stanza da letto e portano a letto la divisa sol -
tanto.
A. Ah, la divisa soltanto!
C. Addirittura; no, me l’hanno raccontato che loro amano le divise, le ragazze.
A. Ah, la divisa, ma non chi la porta!
C. Sì. Dipende, dipende anche, è ovvio, no? Anche gli agenti, anche tra gli agenti
ci sono quelli che piacciono di più e quelli che piacciono di meno.
A. Eh, guarda caso, però.
C. Tu sei uno che piace?
A. Sì, ma piaccio alle persone sbagliate, guarda caso.
C. Sbagliate, va be’ e allora va be’! L’importante è piacere a qualcuno; pensa a
quelli che non piacciono né a quelle giuste, né a quelle sbagliate. Pensa che tra -
gedia! Almeno, almeno...
A. No, mo’ ti dico una cosa. Perché non lanciamo un messaggio?
C. Lancia tu e poi ci salutiamo, dai, lancia!
A. Che lancio io, cavolo...! No, nel senso, io al limite ti posso lasciare il numero, se
qualche ragazza che mi vorrebbe...
C. Ah, ho capito!
A. ...chiamare per sbaglio, non è che dico...
C. Va bene, vediamo, se richiama, poi ti mettiamo in contatto con lei, va bene?
A. Ma il numero glielo lascio alla Morena?
C. Eh sì, penso che il numero l’abbia già preso la Morena, no?
A. No.
C. Eh, allora, richiama e lascia il numero alla Morena, va bene?
A. Va benissimo!
C. Ti aspettiamo, ciao! A presto!
A. Ciao, a presto!
C. Buonanotte e buon lavoro soprattutto. 035879294...


CHIAVI
1. 1b, 2d, 3a, 4c, 5c
2. 1. di targa, 2. guidatore modello, 3. giorno e (che) notte,
4. piacciono di meno, 5. persone sbagliate

Chiavi: Ascolto Medio: 13. La nazionale dei cantant


13. La nazionale dei cantanti
Voci due: Paolo Vallesi - conduttore (P.V.), cantante (C.)
P.V. ...va bene. Senti e la nazionale dei cantanti ti ospita ancora, anzi, mi pare che tu
stia...
C. Sì, sì, ci... stiamo bene, abbiamo ricominciato anche a vincere ultimamente, e
que sto ci fa bene, insomma...
P.V. So che tu sei uno degli artefici di questo nuovo corso del ringiovanimento della
squadra?
C. ...No, non parlerei di...
P.V. I senatori stanno cominciando a vacillare, no?
C. Non parlerei di ringiovanimento e comunque non sarei mai all’altezza; lì c’è Ra -
mazzotti il presidente che decide. Ed è chiaro, insomma, c’è un po’ la voglia nei
giovani, scalpitano, no? e vogliono giocare e quindi è giusto anche così; un po’
di rotazione perché, se no, sai, succede che se nessuno va mai via, fra 10 anni la
nazionale invecchierà senz’altro.
P.V. Anche perché Morandi è molto bravo, ma quanti anni ha ormai?
C. Lui non lo so. Ne avrà 46, però tra l’altro fisicamente non è che ha niente da in -
vidiare a..., a noi.
P.V. Assolutamente. Ma poi è uno che la prende molto sul serio, si allena sempre.
C. Sì, sì, è capace di correre 90 minuti lui magari, che noi. Però è giusto, un po’ di
ro tazione proprio per far sì che tutti giocano e tutti si divertono.
P.V. Quali sono i giovani per finire, e poi ti lascio andare, (- Sì) più interessanti ar ri -
va ti in questi ultimi tempi in squadra?
C. Mah, fortissimi..., va be’, Ligabue, però lui c’era prima di me, per cui è già 3
anni che c’è, però lui è molto forte; però, ultimamente è arrivato Gatto Panceri,
la riscoperta di Biaggio Antonacci, che è arrivato non calciatore, invece si sta
sco prendo calciatore.
P.V. Ha imparato adesso, in pratica...
C. Così come Carbone, insomma, stanno migliorando. Poi c’è Tiziano Cavalieri
che è fortissimo, e gli auguro anche un grande futuro discografico, perché in -
som ma...
P.V. Di solito le cose vanno anche di pari passo. Perfetto, l’appuntamento è rinviato
a domani con Paolo Vallesi su Radio Deejay. Ci vediamo domani.
C. Ciao, Paolo.
CHIAVI
1. 1b, 2d, 3c, 4d
2. 1. ci fa bene, 2. corso del ringiovanimento,
3. da invidiare, 4. grande futuro discografico

Chiavi: Ascolto Medio: 12. L’oroscopo


12. L’oroscopo
Voci tre: Francesco (F.), Tiziana (T.), astrologo (A.)
F. Altra telefonata in linea, sentiamo con chi possiamo parlare; pronto?
T. Pronto!
F. Ciao! Buonasera, come ti chiami?
T. Tiziana.
F. Quando sei nata?
T. Il 30/6/72.
A. Ciao, Tiziana, 30 giugno del ’72. Cosa vuoi sapere, Tiziana?
T. Sull’amore.
A. Sull’amore.
F. Sull’amore. Da dove ci telefoni?
T. Palermo.
F. Da Palermo.
A. Ah, finalmente Palermo ha ripreso a funzionare.
T. Eh, sì.
A. Ah, adesso sarete tutti felici perché la scorsa settimana si lamentava che...
F. C’erano forse dei problemi in ascolto.
T. Sì, infatti... Non riuscivo a prendere la linea.
A. Allora, ti devo dire... Benissimo, Francesca, sei tu?
T. No, Tiziana.
A. Tiziana. Ancora una settimana senza lode e senza infamia. Caratterizzata que -
sta settimana, che andrà dal punto fino al giorno 10-11, ancora da alti e bassi
in quasi tutti i settori della vita. Ma non ti devi abbattere perché stanno arrivando
dei tempi molto, ma molto buoni. Non bisognerà mettere a dura prova
l’equilibrio e la comprensione per quanto riguarda i sentimenti, perché la tendenza
a essere polemici da parte tua cercherà di prendere sopravvento e dovrà
essere assolutamente scongiurata, questa tua tendenza a essere molto polemica;
non devi fare polemica, non devi fare chiacchiere. Dovrai tenere strettamente
sotto controllo la tua inquietudine e la tua intolleranza. Si vede che sei
molto inquieta e molto cattivella, molto, ti arrabbi spesso.
T. E sì, infatti.
A. Non bisogna correre il rischio di provocare tensioni e contrasti all’interno dei
sentimenti. Sarà più che mai necessario fare affidamento sulla comprensione e
sull’appoggio di persone che ti sono vicine senza, naturalmente, siamo sempre
lì, sen za esasperarle. Quindi, da parte tua un po’ di calma, perché, passati que -
Ascolto Medio 21
sti 10 gior ni che sono, diciamo, con alti e bassi, non sono tanto buoni, vedrai
che già dal la prossima settimana ci saranno dei momenti migliori, e già si potrà
co minciare a discutere seriamente.
T. Poi, posso chiedere un’altra cosa?
A. Eh…
F. Vediamo se riusciamo, eh?
T. Siccome io sono di maturità quest’anno...
A. Ah, per, per la scuola?
T. Sì.
A. Allora, è una cosa che...
F. Non potremmo farlo! Velocissimi, però.
A. Allora, in questi giorni la tensione è grande e aumenterà ancora la tua tensione
per ché sarai molto ricca, già questa settimana e la prossima settimana saranno
ricche di impegni, quelli appunto scolastici, perché grazie a questi impegni che
tu supere rai, quindi già ti ho dato la risposta, ci saranno attuali, ci sono già at -
tuali possibi lità e aspirazioni. E qui c’è un’altra cosa da dire: controllare gli im -
pulsi, evitare le pa role di troppo, certi scatti di rabbia e insofferenza – sempre
quello – si vede che sei proprio, che ti ammatti e ti arrabbi. Comunque, per
quanto riguarda la scuola non ci saranno problemi; però, non partire con... di -
cendo “tanto non me ne frega niente, tanto sarò promossa lo stesso” perché dai,
facciamo, pigliamo un bel voto alto, dai.
T. Magari!
A. Dai, alto. Senza andare col 36, andiamo un po’ al 60, ...non dico, però 48, 49.
T. Magari!
A. Va bene?
T. Va bene.
F. Grazie, Tiziana!
T. Francesco, sei simpaticissimo!
F. Troppo gentile! Grazie!
T. Ciao! Ciao!
F. Ciao! Buonanotte! Adesso c’è...



CHIAVI
1. 1c, 2d, 3a, 4b
2. 1V, 2V, 3F, 4V, 5V
3. 1. tutti i settori, 2. la tua intolleranza,
3. ti sono vicine, 4. parole di troppo

Chiavi: Ascolto Medio: 11. Gli studenti stranieri in Italia


11. Gli studenti stranieri in Italia
Voci tre: giornalista (G.), studente (S.), presidente UXEI (P.)
G. Cala il numero degli studenti stranieri nel nostro paese. Molte le cause, tra cui
anche quelle di ordine burocratico.
S. I problemi che incontra uno studente estero, sono tanti. Quelli principali sono
quelli, trovare soprattutto una camera, che non si trova più, oggi come oggi, e
poi trovare lavoro, perché molti di noi purtroppo non hanno la borsa di studio.
E, quindi, per vivere qua devono lavorare.
G. È la testimonianza di Mohamed Bussuri, un giovane studente somalo dell’Uni -
versità di Perugia, intervenuto all’incontro promosso nel capoluogo umbro dal
segretariato regionale UXEI, sul tema “Presenza degli studenti esteri in Ita lia,
e nuove norme di accesso all’Università italiana”. Norme che non sono state
accolte favorevolmente dalla popolazione studentesca estera. Soprattutto per i
nuovi ostacoli che si verrebbero a frapporre per il rilascio dei permessi per stu -
di. E la conseguenza, come sottolinea il presidente nazionale dell’UXEI, è che
in Italia ci saranno sempre meno studenti stranieri.
P. Purtroppo non verranno, facendo sì che questo fenomeno di abbandono dell’Uni
versità italiana si prolunghi e si accresca, se si tiene conto che da oltre 10 an -
ni a questa parte, la diminuzione di studenti universitari esteri alle nostre università
è di circa mille e cento all’anno.


CHIAVI
1. 1. ordine burocratico, 2. borsa di studio,
3. devono lavorare, 4. state accolte favorevolmente
2. 1V, 2F, 3F, 4V, 5V, 6F

Chiavi: Ascolto Medio: 10. Intervista ad una cantante


10. Intervista ad una cantante
Voci quattro: prima giornalista (G1), cantante (C.), secondo giornalista (G2), terzo
giornalista (G3)
G1 ...Dire due parole su di te, bolognese, giovanissima, grandissimo talento mu si -
cale, non ancora esplosa forse, non ancora conosciuta (- per fortuna!) dal gran -
dissimo pubblico, ma apprezzata da un pubblico più attento, più raffinato,
insomma; soprattutto apprezzatissima dalla critica che ti ha molto, ma mol to
coc colata, dal momento in cui ti ha scoperta. Dico bene?
C. Sì, dici bene.
G1 Senti, hai già suonato o devi suonare ancora, devi cantare?
C. Ho già suonato.
G1 Ah, senti, come è andato l’impatto davanti a 300.000 persone? Io so che tu,
insomma hai fatto molti concerti, da sola, con Lucio Dalla ecc.. Però 300.000
persone credo che non capiti tutti i giorni di averle davanti.
C. Beh, sì, in effetti è molto diverso.
G2 Un po’ di paura?
C. Sì, molta emozione più che paura.
G1 Senti il pubblico, come era, caldo?
C. Molto!
G1 Bello?
C. Bello, molto!
G1 Quanto, quanto, quanto hai suonato, quanto...?
C. Abbiamo fatto due pezzi, avrò suonato 10 minuti in tutto.
G1 Ah, quindi, poco. Avete suonato poco, ognuno di voi, in realtà?
C. Sì, sì, più o meno tutti facciamo due pezzi.
G1 Senti, nella scheda che è stata data nel corso di una conferenza stampa io leg -
go: “un autobiografismo che non si compiace di un’adolescenza, ribelle, sfron -
tata e tenera, che la faceva somigliare alla protagonista del film “Senza tetto né
legge”. Ma cosa hai combinato, quando eri adolescente?
C. Ma queste sono cose che scrivono loro, io li lascio scrivere.
G2 Senti, Angela, ma mi vuoi bene o no?
C. Io, molto!
G2 Benissimo!
G1 È il titolo della canzone di Angela che ha avuto anche un successo, insomma.
Quando è uscito un anno fa, ormai?
18 Ascolto Medio
C. Due anni fa.
G1 Due anni fa. E ora, che cosa...?
C. Ora, stasera ho presentato due pezzi nuovi. Uno si chiama “Nessuna risposta”
e l’altro “Estasi”.
G1 Sì.
C. E così, ho fatto la prova dal vivo.
G2 Preferisco estasi, eh?
C. Eh?
G2 Preferisco “estasi” a “nessuna risposta”.
C. Anch’io.
G1 Hai testato con il pubblico, naturalmente.
C. Esatto.
G1 Ma sta per uscire un disco, qualcosa?
C. Mah, ci sto lavorando.
G1 Ho capito, ho capito. E, quindi, quest’estate tournée?
C. Tournée, si spera, sì. Io spero nel frattempo di fare pezzi nuovi, ogni tanto di
fa re qualche concerto; più che una tournée vera e propria, vorrei proprio, così,
fare pezzi nuovi e suonare ogni tanto.
G1 Senti, sentiamo la musica di sottofondo molto..., che cosa, che cosa, c’è ades -
so sul palco?
G3 No, veramente, c’è solo un frastuono di sottofondo...
G1 No, sentivo...
G3 Sono in pausa. Non c’è musica in quest’istante.
G1 Sentivo una specie di tarantella, allora (devo avere le traviggole), evidentemente;
no, succede?
G3 No, non viene da qui, per lo meno, non viene da qui.
G1 Va bene!
G2 Senti, Paolo Testa, dobbiamo lasciarti, perché abbiamo un nuovo collegamento
(- certo!) e ci sentiamo subito dopo.
G3 Benissimo! Allora, intanto salutiamo Angela Baraldi.
G1 Ciao, Angela, grazie!
C. Ciao, ciao!




CHIAVI
1. 1a, 2b, 3c, 4b, 5d
2. 1F, 2V, 3F, 4V, 5F, 6F

Chiavi: Ascolto Medio: 9. Inserti


9. Inserti
- ...Poi l’ultima cosa che volevo dirvi, e poi finiamo, è il discorso degli inserti. Ci
sono gli inserti e io conosco solo gli inserti dei quotidiani del Nord. Ve li con -
siglio, perché quelli del Sud non li ho mai letti, quindi quelli del Centro e del Sud
non li conosco. Ci sono degli inserti interessanti; sulla cultura e sui libri, vi se -
gna lo Il Sole 24 Ore alla domenica, per cui vi ho detto prima. La Stampa, al sabato,
un inserto tutto libri, dedicato a tutti i libri che escono in Italia.
- Quale giornale?
- La Stampa. Il Corriere, alla domenica, ha un inserto dedicato ai libri. L’Avve nire,
quello della CEI, se volete i libri cattolici, dovete prendere que sto inserto, si chia -
ma Guttenberg ed è pubblicato al sabato, L’Avvenire, al sa bato. Con l’Unità, ha
anche una rubrica culturale; credo che sia la domenica. L’Unità è del Partito
Democratico della Sinistra. Poi ci sono gli inserti sul la salute. Il più im portante
è quello del Corriere del lunedì, che ha un in serto tutto dedicato alla sa lute, la
prevenzione delle varie malattie, la diffusione, la cura delle diverse malattie.
Lunedì il Corriere, l’inserto sulla salute. Poi ci sono gli inserti di at tua lità. At -
tualità culturale e politica che sono per la Repubblica, Venerdì. Ve nerdì ha que -
sto inserto famoso tutto colorato, stampato a colori, molto bello, co me grafica, e
ci sono una serie di articoli mol to brevi con... in una pagina sola, hanno uno stile
molto sintetico, che sono dedicati agli argomenti di attua lità, interviste ai vari
personaggi.
CHIAVI
1. 1a, 2b, 3d, 4c

Chiavi: Ascolto Medio: 8. Salvare la Torre di Pisa


8. Salvare la Torre di Pisa
La Torre di Pisa avvolta da un enorme cilindro con un diametro di 70 metri e una
profondità di 40 e la sua base attraversata da un canale per la raccolta dell’acqua piovana.
Uno spettacolo certamente deprimente per uno dei monumenti più belli del
mon do, già da anni sottoposto a terapia intensiva e proibito al pubblico ma, secondo
gli inglesi, l’unico sistema per salvarlo da un crollo inevitabile.
Ad elaborare l’ennesimo progetto salva-torre stavolta non è la mente contorta di
qual che stravagante ingegnere, ma un gruppo di stimati professori universitari. «Vo -
gliamo veramente raddrizzare la Torre? Bene, ecco qua pronto un progetto in fal -
libile», hanno raccontato i cattedratici ai giornalisti, presentando l’anteprima di un
pro getto di grande complessità che sarà presentato domani a Londra. Al progetto,
definito rivoluzionario, hanno lavorato membri del «Campanile group», un soda -
lizio internazionale al quale aderiscono i migliori ingegneri e docenti universitari del
Regno Unito e di altre nazioni. In anni di studi gli esperti del «Campanile group»
hanno stabilito che molti dei guai della Torre - 55 metri d’altezza e oltre otto secoli
di anzianità - sono da addebitarsi al suolo argilloso di Piazza dei Miracoli, sul quale
nel 1173 fu costruito il campanile. E in un’intervista al Sunday Times, Ozdeimer
Keskin - uno degli ingegneri che hanno realizzato il progetto - ha spiegato che «oggi
sotto le fondamenta del monumento l’acqua scorre da nord a sud. Una volta isolata
la Torre con il cilindro - ha aggiunto al quotidiano britannico - sarà possibile pompare
l’acqua in modo inverso, cioè da sud a nord. L’acqua pompata porterebbe con
sé particelle di suolo e provocherebbe una discesa controllata con conseguente consolidamento
della Torre». Insomma, secondo il progettista, il siste ma garantirebbe
entro bre ve tempo un monumento «perennemente stabile».
Ma per salvare la Torre basterebbe soltanto qualche idrovora e una «panciera» di
me tal lo? Assolutamente no - spiegano ancora gli scienziati - ma l’intervento facili -
terebbe nel tempo ogni tipo di progetto per modificare l’angolo di pendenza al li -
vello desiderato, e quindi salvare il campanile dal crollo.
Tutti i particolari del piano saranno presentati soltanto domani con mappe, calcoli e
controcalcoli. Oggi la Torre si deve «accontentare» del progetto avviato fra mille
difficoltà finanziarie. L’équipe del professor Michele Jamiolkowski ha ben lavorato
e la pendenza si è praticamente arrestata. L’ultimo spavento per il cam panile più
famoso del mondo non è però arrivato dai suoi problemi idraulici, ma dalle casse
dello Stato. Per un decreto non convertito, infatti, erano stati ta gliati i fondi per continuare
il progetto. Poi, dopo molte proteste, i soldi sono ar rivati. Almeno per ora.


CHIAVI
1. 1b, 2b, 3a, 4d

Chiavi: Ascolto Medio: 7. Il tempo


7. Il tempo
Meteo Radio, su informazioni del servizio meteorologico dell’Aeronautica.
Questo è il tempo previsto fino alle 24.00 di oggi: al Nord e al Centro e sulle due
iso le maggiori, cielo nuvoloso, con possibilità di precipitazioni, che lo calmente
saranno temporalesche. In particolare sul Friuli-Venezia Giulia, sul Trentino-Alto
Adige e sul Veneto. Neve sull’arco alpino tra i 1.500 e i 2.000 metri. Al sud della
penisola si prevede un aumento della nuvolosità a cui se guiranno delle piogge. Le
schia rite al Centro e al Nord avranno carattere temporaneo. Temperatura in dimi -
nu zione. Venti deboli o moderati intor no a Sud tendenti a nord-ovest. Dapprima
sulla Sardegna, successivamente sul Tir reno. Mari poco mossi, con moto ondoso
in aumento, a partire dai ba cini occidentali.


CHIAVI
1. 1d, 2b, 3a, 4d
Ascolto

Chiavi: Ascolto Medio: 6. Piccole meraviglie d’Italia


6. Piccole meraviglie d’Italia
Ho incontrato delle persone che parlavano dello sviluppo turistico della loro re gione.
Pro gettavano di costruire porti, alberghi, abitazioni, centri commer ciali. “Ma cosa vo -
l e te fare della vostra terra?”, ho domandato loro. “Se co strui rete queste cose di strug -
ge rete quel poco di natura, di pinete che ancora vi resta.” A poco a poco si estenderà
dovunque un’immensa città monotona, brutta. Una città di pen sionati, senza imprese,
senza giovani, senza vita. Come è già ac caduto sulla co sta spa gnola, o su quella fran -
cese.
L’Italia è un paese piccolo, bellissimo, con tremila anni di storia, dove ogni luogo,
ogni pietra sono carichi di simboli e di ricordi. Ogni singola regione è un microco -
smo. La Lombardia ha i colossi innevati e la pianura nebbiosa. La Toscana monta gne
di mar mo e coste coperte di pini. La Sicilia le rocce nere di Catania e quelle mie le di
Pa lermo. E su questo territorio variegato so no cresciute, nell’arco dei mil len ni, le ci -
vil tà greca, etrusca, romana, bi zan tina, medioevale, rinascimentale, ba roc ca, mo der -
na, città Stato e imperi. Una bellezza in miniatura, vulnerabile dal tu ri smo di massa.
Che, perfino quando non costruisce niente, ne altera comunque lo spi rito. Pensiamo a
Ve nezia, l’orgogliosa capitale di un impero i cui palazzi, sul Ca nal Grande, era no le
dimore delle potenti famiglie patrizie, le cui navi hanno domi nato il Me diterraneo e
combattuto, in cento battaglie, i turchi. Oggi quegli stessi pa lazzi sono alberghi e
quel lo del doge un elegante contenitore per mostre e con vegni. Chi arriva incontra
folle di turisti anonimi che mangiano, scattano fotografie e com pe rano souvenir. Se
vuol evocare il passato, se vuol vedere l’antica Venezia, deve ap partarsi, cercare la so -
litudine. Noi andiamo sulle spiag ge tropicali per trovare il so le, il mare, l’eccitante
pesca del barracuda. Non ci interessano i dettagli delle chie s e, le forme delle case,
l’armonia di un giardino. Ma cosa vede un turista a Luc ca, a Roma, a Caserta se non
è ca pa ce di percepire il valore simbolico delle forme?
Per sviluppare turisticamente il nostro Paese, le strade, gli alberghi, i giardini do vreb -
bero amplificare questa percezione di armonia. O, perlomeno, non disturbarla. E vi tan -
do tutto ciò che è violento, volgare, moderno, chiassoso. Come i grandi con do mi ni, i
centri commerciali sgargianti, le luci alogene che distruggono la notte. Si tratta, in
fon do, di rifare la scelta che alcune del le nostre città, alcuni dei nostri più celebri
luoghi turistici hanno già fatto. Prendete il golfo di Napoli. La costa che va da Poz -
zuoli a Castellammare, costruita, cementificata, congestionata, povera, non ha più tu -
ri smo. Questo vi ve a Sorrento, Ravello, Amalfi, Positano, Capri, Ischia, do ve la natura
è sta ta protetta, curata, dove l’architettura si armonizza dolcemente con l’am bien te.
Luoghi rimasti intatti, stupendi, perché sono stati difesi come un santua rio.


CHIAVI
1. 1a, 2a, 3c, 4b, 5d
2. 1. ancora vi resta, 2. e di ricordi, 3. turismo di massa,
4. mostre e convegni, 5. il valore simbolico

Chiavi: Ascolto Medio: 5. Il Carnevale di Venezia


5. Il Carnevale di Venezia
Sembra strano a dirsi, ma la tradizione di maschere a Venezia risale ai secoli più bui.
All’epoca dei monasteri, agli anni di paure e costrizioni che accompa gna ro no
l’arrivo del secondo millennio. Le cronache veneziane riportano infatti che già
nell’XI se colo, precisamente nel 1094, la città usava divertirsi nei giorni pre ce denti
la Quaresima.
Un divertimento che deve aver fatto particolare chiasso nel lungo silenzio del Me -
dioevo, visto che da allora, nella storia della Serenissima Repubblica di Ve nezia, si
so no susseguiti quasi senza soluzione di continuità balli, divertimenti e follie, con
un’eco diffusa in tutto il mondo.
Tante sono le testimonianze di quella travolgente attitudine al divertimento. Nel
1571, ad esempio, si racconta che l’euforia della vittoria nella battaglia di Le panto
ispirò la sfilata di maschere esaltate in cui si celavano giovani travestiti da turchi, da
negri, da svizzeri, da ortolani. Senza alcun dubbio, comunque, il Car nevale che più
di tutti nei secoli scorsi ha contribuito a creare il mito dei fe steg giamenti in Laguna,
è quello del Settecento: a quel tempo la pazzia durava giorni e giorni. Assaliva le
genti di Venezia e quelle arrivate da lontano già ai primi di ottobre, con l’apertura dei
teatri. Trovava un momento di quiete tra il 16 ed il 25 di cembre, poi riprendeva per
durare sino alla mattina precedente la Quaresima.
Al Carnevale partecipavano tutti. Non si distingueva il patrizio dal popolano, il cit -
tadino dallo straniero. Abitudine era in quel gran caos il passeggio di masche re in
Piazza San Marco, la sosta nei caffè. Nei casini e nei ridotti vicini si pratica va invece
il gioco d’azzardo, con le carte, il biliardo, la dama, morra e scacchi. Al periodo del
Carnevale corrispondeva inoltre una ricchissima stagione teatrale, mentre molti concerti
si eseguivano negli stessi caffè e nelle case private.
In seguito alla caduta della Repubblica, anche la tradizione del Carnevale fu len ta -
mente abbandonata, per ricomparire nel calendario delle manifestazioni popola ri so -
lo in tempi recentissimi. La rinascita si fa infatti risalire ai nostri anni Set tanta: di fe -
sta in festa, di maschera in maschera la voglia di follia ha in qual che modo invaso le
strade tanto da far nascere il Comitato per il Carnevale di Ve nezia, un consorzio che
riu nisce trentacinque società veneziane che operano nel campo della cultura, dello
spettacolo e del turismo. Una festa che ogni anno attira circa un milione di persone.


CHIAVI
1. 1a, 2b, 3b, 4c
2. 1. precedenti la Quaresima, 2. festeggiamenti in Laguna,
3. apertura dei teatri, 4. ricchissima stagione teatrale,
5. fu lentamente abbandonata, 6. milione di persone