Ιταλική γλώσσα

Ένα ιστολόγιο αφιερωμένο στην Ιταλία, στην ιταλική γλώσσα και στην εκμάθηση της...
English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified

lunedì 29 novembre 2010

Modi di dire: Cane

A cane che abbaia o pane o bastone

Abbaiare come I cani alla luna

Ammazzare q.no come un cane

Andare a dormire come un cane

Aver lo spasso dei cani

Avere un cane alla coda/alle costole

Aver un freddo cane

Battere il cane al posto del padrone

Can che abbaia non morde

Cane non mangia cane

Dare in pasto ai cani

Essere come cane e gatto

Essere fortunate come un cane in chiesa

Essere il figlio di un cane

Essere raro come un cane giallo

Essere solo come un cane

Essere un cane

Essere una cane che si morda la coda

Essere un cane da pagliaio

Essere un cane grosso

Essere un cane sciolto

Fare come il come il cane d’Esopo

Fare come il cane dell’ortolano

Fare delle parole come I cani dell’acqua

Fare un male cane

Fare un tempo da cani

Fare una vita da cani

Gettare il ladro ai cani

Gettare l’osso al cane

Lasciare abbaiare I cani

Lavorare come un cane

Mangiare da cani

Menre il cane per l’aia

Morire come un cane

Neanche il cane muove la coda per niente

Non c’e un cane che lo guardi

Non esserci neanche un cane

Non svergliare il cane che dorme

Portare rispetto al cane per amore del padrone

Raddrizzare le gambe ai cani

Seguire qualcuno come un cane

Soffrire da cani

Stare come il cane alla catena

Stare da cani

Andarsene come un cane bastonato

Tornare come un cane frustato

Tra cani non si mordono

Trattare qualcuno come un cane

Una volta corre il cane e un’altra la lepre


Dare: epressioni idiomatiche e modi di dire






Dare a qualcuno il calcio dell’asino
Χτυπώ κάποιον πεσμένο

Dare a qualcuno la facolta di parlare
Δίνω σε κάποιον την εξουσία να μιλήσει

Dare a qualcuno la patente di ladro
Αποκαλώ κάποιον κλέφτη

Dare adosso a qualcuno
Επιτίθεμαι/αντιμιλώ σε κάποιον

Dare ai nervi a qualcuno
Εκνευρίζω κάποιον

Dare alla luce un bambino
Γεννώ ένα παιδί

Dare alla testa
Ζαλίζω, μπερδεύω κάποιον

Dare aria
Αερίζω

Dare causa
Δίνω αφορμή

Dare conto di se
Δίνω λογαριασμό για μένα

Dare contro
Αντιλλέγω

Dare corda a qualcuno
Δίνω σε κάποιον το σχοινί να πιαστεί

Dare di testa alla palla
Δίνω κεφαλιά

Dare e avere
Δουναι και λαβείν

Dare esca a qualcuno
Παρακινώ κάποιον

Dare fastidio
Ενοχλώ

Dare filo da torcere a qualcuno
Κάνω τα πράγματα δύσκολα για κάποιον
Dare fondo
Ρίχνω άγκυρα

Dare gas
Πατάω γκάζι

Dare il gambetto a qualcuno
Παραγκωνίζω κάποιον

Dare il supremο addio
Δίνω τον τελευταίο ασπασμό

Dare il via
Δίνω το πράσινο φως

Dare in lacrime
Ξεσπάω σε κλάμματα

Dare in risate
Ξεσπάω σε γέλια

Dare lerba trastulla a qualcuno
Επηρεάζω κάποιον με κολακίες

Dare londa ai capelli
Κατσαρώνω τα μαλλιά

Dare la buona notte
Καληνυχτίζω κάποιον

Dare il buongiorno
Καλημερίζω κάποιον

Dare la mossa
Παρακινώ κάποιον

Dare la parola a qualcuno
Δίνω τον λόγο μου σε κάποιον

Dare le carte
Μοιράζω/κάνω χαρτιά

Dare lo zuccherino a qualcuno
Πασσάρω κάτι σε κάποιον

Dare luogo a
Δίνω αφορμή για/σε, προκαλώ

Dare molestia
Ενοχλώ

Dare motivo di
Δίνω αφορμή για/σε, προκαλώ

Dare nel segno
Πετυχαίνω διάνα

Dare nellocchio
Τραβώ την προσοχή

Dare ombra a qualcuno
Συκοφαντώ κάποιον

Dare palla bianca a qualcuno
Φηφίζω υπερ κάποιου

Dare palla nera a qualcuno
Μαυρίζω κάποιον (υποψήφιο)

Dare qualcosa per fatto
Βεβαιώνω ΄το κάτι έγινε

Dare quartiere
Δίνω κατάλυμμα

Dare retta
Προσέχω

Dare scacco al re
Απειλώ τον βασιλιά (σαχ)

Dare scacco matto
Κάνω ματ

Dare sotto a qualcosa
Εξετάζω κάτι σε βάθος

Dare sulla voce a qualcuno
Αντικρούω κάποιον

Dare udienza a qualcuno
Ακούω κάποιον/δίνω ακρόαση

Dare unocchiata
Ρίχνω μια ματιά

Dare un giudizio su qualcosa
Λέω την γνώμη μου για κάτι

Dare una cercata
Ψάχνω τριγύρω

Dare una cucita a qualcosa
Ράβω κάτι

Dare una festa
Κάνω μια γιορτή

Dare una fiancata a qualcuno
Ειρωνεύομαι κάποιον

Dare una frecciata a uno
Γυρεύω δανεικά και αγύριστα

Dare una frustata a qualcuno
Παρακινώ κάποιον

Dare una lavata di capo a qualcuno
Κατσαδιάζω κάποιον

Dare una letta a qualcosa
Διαβάζω επιπόλαια κάτι

Dare una sonata a qualcuno
Ξυλοφορτώνω/Εξαπατώ κάποιον

Dare una nasata a qualcuno
Δίνω μπουνια στην μύτη κάποιου

Dare una gomitata a qualcuno
Δίνω γονατιά σε κάποιον

Dare un colpo al cerchio e uno alla botte
Τα θέλω μονά ζυγά δικά μου

Dare i numeri
Λέω ασυναρτησίες

Dare una spolverata a qualcosa
Ξεσκονίζω κάτι

Dare un film
Προβάλλεται μια ταινία

Dare una tirata d’orecchi a qualcuno
Τραβάω το αυτί κάποιου

Dare via qualcosa
Ξεπουλώ/ξεφορτώνομαι κάτι

Adesso posso finalmente darvi la buona notte..

Espressioni Idiomatiche (D)

discutere del sesso degli angeli
Discutere di cose oziose, inutili, perdendo tempo che sarebbe meglio impiegato altrimenti. Si narra che i teologi bizantini continuassero imperturbabili le loro sterili, secolari disquisizioni circa l'eventuale sesso degli angeli mentre i Turchi di Maometto Il stavano per espugnare Costantinopoli (1453) e porre fine all’impero romano d’Oriente.

dare a Cesare quel che è di Cesare

“Rendete dunque ciò che è di Cesare a Cesare, e ciò che è di Dio a Dio ”; secondo il Van-gelo (Luca, 20, 25), così replicò Gesù agli “uomini subdoli”, emissari dei sacerdoti, i quali gli domandavano se fosse lecito pagare il tributo a Cesare, da parte di un buon ebreo, sperando in una sua risposta negativa che permettesse loro di denunciarlo ai Romani. Cristo, però, non solo non cadde nel tranello, ma con le sue parole insegnò che si deve obbedire alle leggi degli uomini, senza trascurare i doveri verso Dio. Nel linguaggio comune, l’approssimativa citazione è un invito alla giustizia, un richiamo ad attribuire i meriti a chi li ha e non a coloro che se li appropriano.

dare un colpo al cerchio e uno alla botte

Barcamenarsi tra due contendenti, evitando di assumere una posizione netta, dando ragione un po’ all’uno e un po’ all’altro.

dare il benservito

Ironicamente, mettere alla porta, licenziare, abbandonare: La fidanzata gli ha dato il benservito. Si chiama “benservito” l’attestato, più o meno encomiastico, concesso dal datore di lavoro al dipendente (in genere lavoratore domestico), che lascia il servizio.

de cuius
Latino: della cui [eredità si tratta]. Nel linguaggio giuridico, il defunto proprietario dei beni che formano il patrimonio ereditario.

dèdalo
In senso figurato, intrico nel quale è difficile raccapezzarsi. Dedalo, leggendario artefice greco, costruì per Minosse, re di Creta, il celebre labirinto .

de gùstibus non est disputandum
Latino: sui gusti non si discute. Aforisma latino medievale, del quale generalmente si cita soltanto la prima parte, de gustibus, per affermare che in fatto di gusti ciascuno ha i suoi e bisogna rispettarli, per quanto strani possano sembrare.
delenda Carthago

Latino: Cartagine va distrutta. Cosi viene in genere citata, commentando anche ironicamente, la preoccupazione somma, l’idea fissa di qualcuno, il suo odio implacabile contro persone o istituzioni, una frase attribuita al grande Marco Porcio Catone detto il Censore (234-149 a.C.): Ceterum censeo Carthaginem esse delendani, “E per il resto penso che Cartagine debba essere distrutta”. Il vecchio magistrato considerava l’ esistenza stessa della città punica una costante minaccia per Roma, e ripeteva la sua esortazione al termine di ogni suo discorso, quale che ne fosse l’argomento. Fu accontentato, ma solo tre anni dopo la sua morte, nel 146 a.C.

de minimis non curat praetor (pron. “...prétor”)
Latino: il pretore non si occupa delle cose minime. Detto latino, citato anche in forma ellittica de minimis... per indicare che una persona importante, o moralmente superiore, non bada alle quisquilie. Bisogna ricordare che, mentre la nostra pretura ha competenze limitate e relativamente modeste, nell’antica Roma tale magistratura era una delle più importanti.

demonizzare
Appartiene soprattutto al “politichese”, con tutti i suoi parenti e affini. Demonizzazione è l’atto di calunniare, denigrare un partito, un Paese, un gruppo avverso facendone quasi l’incarnazione del demonio, la fonte di tutti i mali. L’uso e l’abuso di questa famigliola di parole è, come si suol dire, “strumentale”.

dare l’ ostracismo
Mettere al bando, osteggiare, dichiaratamente o tacitamente, una persona, un’idea, eccetera. Ad Atene, e in altre città con costituzione analoga, i membri dell’assemblea popolare dovevano scrivere su frammenti di terracotta (òstraka) il nome del cittadino accusato di essere un pericolo per lo Stato qualora lo avessero ritenuto tale. Se la maggioranza dei cacci-scheda recava quel nome, l’imputato era condannato ad allontanarsi dal territorio della città per un periodo di tempo che, originariamente, era di dieci anni.

Deo gratias (pron. “déo gràzias”)
Latino: grazie a Dio. Formula di ringraziamento usata nella messa in latino e in altri atti liturgici; nel linguaggio comune è esclamazione di sollievo per l’avverarsi di una speranza: uno scampato pericolo, la fine di una cosa fastidiosa o noiosa, eccetera.

de profundis
Latino: dal profondo. Parole iniziali del Salmo penitenziale 130, che si recita negli uffici per i defunti. Nell’uso comune si dice cantare, recitare il de profundis per lamentare la perdita di una cosa o persona senza che vi sia speranza di riaverla.
derby (pron. “dàbi”, “doebi negli Stati Uniti”)
E’ il nome della celebre corsa ippica inglese per puledri di tre anni istituita nel 1780 dal conte di Derby e che si disputa annualmente all’ippodromo di Epsom. La parola è passata a indicare qualsiasi importante avvenimento sportivo, come per esempio un incontro tra due squadre di rango, della stessa città o tradizionalmente rivali.

dare i numeri
Vaneggiare, straparlare, dire cose a vanvera, con allusione a quelli che astròlogano sui sogni per ricavarne i “numeri buoni” da giocare al lotto. Avere dei numeri significa invece possedere buone qualità per riuscire in qualcosa.

dire (o parlare) a nuora, perché suocera intenda
Far capire qualcosa a uno indirettamente, rivolgendosi a una terza persona, così che il vero interessato sia informato, anche se finge di non capire, di una critica, di una richiesta, di una proposta, eccetera. La locuzione si richiama, in modo non molto logico, al tradizionale antagonismo tra suocera e nuora.

desaparecidos (pron. “desaparezidos”)
Spagnolo: scomparsi. Termine ripreso dai mezzi di comunicazione di massa di tutto il mondo con riferimento alle molte migliaia di persone scomparse e certamente uccise in Argentina durante gli anni Settanta, nel corso della dura repressione condotta dai militari al potere, per stroncare non solo la guerriglia eversiva, ma anche ogni manifestazione di dissenso. Con cinismo riprovevole, il vocabolo fu adottato, in senso ironico o scherzoso, negli uffici di mezza Italia a riguardo di coloro che disertano, frequentemente e senza giustificati motivi, la loro scrivania.

deus ex màchina
Latino: il dio [che parla] dal congegno. Si dice di persona, di cosa o avvenimento, che risolve in modo favorevole, e quasi miracoloso, una situazione disperata; e anche, in senso non altrettanto elogiativo, di chi manovra occultamente i fili di una macchinazione, dell’eminenza grigia che, nonostante le apparenze contrarie, detiene e usa il potere. Spesso nella tragedia greca, quando l’intreccio era diventato inestricabile e la situazione senza vie di sbocco, gli autori facevano intervenire come elemento risolutore il personaggio di un dio, calato sulla scena per mezzo di una machina, il quale risolveva miracolosamente, come possono solo gli dei, ogni cosa.

de visu
Latino: con i propri occhi.

dietrologia
Disciplina, oseremmo dire, che si occupa di scoprire i motivi reconditi e i secondi fini, dati per scontati anche se non esistono, di qualsiasi avvenimento, pubblico o privato. Il termine è ironico. La dietrologia è assiduamente praticata da un certo numero di commentatori politici (detti dietròlogi) e da chiunque sia incline ai pettegolezzi delle comari, da cui trae “gratificazio-ne”.
Dio ha fatto la campagna, l’uomo la città
Massima a gran ragione citabile oggi, in tempi di megalopoli e di gravi problemi ecologici, ma in vario modo espressa da numerosi autori, primo tra essi, sembra, il latino M. Terenzio Varrone (116-27 a.C.) nel suo De re rustica, un poemetto sull’agricoltura.

Dio me l’ha data, guai a chi la tocca!
Francese: Dieu inc l’a donnée; garde (o gare) a qui y touchera. La storica frase, ripetuta a volte scherzosamente per dichiarare la ferma intenzione di non rinunciare a qualcosa di cui si è gelosi possessori, fu pronunciata da Napoleone I durante la cerimonia per la sua incoronazione quale re d’Italia, avvenuta il 26 maggio 1805 nel duomo di Milano, quando l’Imperatore prese dall’altare e da solo si pose in capo la storica corona ferrea, diadema del VII secolo donato dalla regina longobarda Teodolinda al duomo di Monza.

Dio non paga il sabato
Proverbio collegato all’antica usanza di pagare i lavoratori il sabato sera, citato a significare che Dio non è tenuto a quest’obbligo e che la sua punizione, anche se tarda a giungere, e immancabile e inevitabile.

divide et impera
Latino: dividi per dominare. Massima di incerta paternità - c’è chi la fa risalire a Filippo il Macedone, chi a Luigi Xi di Francia - impiegata in particolare per descrivere la politica della Casa d’Austria nel secolo XIX e in realtà seguita da molti, sovrani o potenze, collettività o individui: fomentare le divisioni tra i popoli soggetti o comunque tra eventuali nemici, impedendo loro di coalizzarsi, favorisce chi detiene una posizione di potere.

datemi un punto d’appoggio e solleverò il mondo
Latino: da mihi ubi consistam et terram movebo. Frase attribuita dal matematico Pappo di Alessandria ad Archimede, esultante per avere scoperto le leggi della leva. La si cita per esortare all’azione o per invocare un piccolo aiuto, ricordando che spesso basta un minimo appoggio per consentire la realizzazione di grandi imprese. In latino si citano, invece, col significato di “base concreta, terrena solido, punto di partenza”, le parole ubi consistam .

doccia fredda
Si dice, in senso figurato, di qualcosa che giunge improvvisamente a smorzare ogni entusiasmo provocando un’amara delusione. L’espressione deriva dalla pratica, seguita fino a tempi non remoti, di sottoporre i pazzi agitati a violente docce fredde per ridurli alla calma, per placarne i bollenti spiriti

doccia scozzese
A differenza di quella fredda, la doccia scozzese è, metaforicamente, un alternarsi di atti o notizie favorevoli e sfavorevoli, che sconcertano chi ne è oggetto sbalestrandolo dalla speranza allo sconforto e viceversa. Nella vera, stimolante doccia scozzese il passaggio dall’acqua calda a quella fredda è abbastanza brusco, ma non quanto la locuzione farebbe supporre.
dottor Jekyll e Mister Hyde (pron. “...giékil, mistoe hàid”)
Lo strano caso del dottor Jekyll e Mister Hyde è il titolo di un famoso racconto dell’inglese R.L. Stevenson (1850-1894), apparso nel 1886, che svolge in forma simbolica e orripilante il tema del perenne conflitto tra il bene e il male nell’animo umano. Si cita talvolta a proposito della metamorfosi, diabolica e incomprensibile, di un carattere.

do ut des
Latino: ti do affinché tu dia a me. Formula designante, nel diritto romano, un tipo di contratto e citata nel linguaggio comune a proposito di uno scambio di favori in genere illecito, o quanto meno poco corretto.

draconiano
Si dice, in senso figurato, di provvedimento, legge. regime di governo particolarmente rigido e severo. Dracone fu il legislatore che, intorno al 621 a.C., diede agli Ateniesi il primo codice scritto, contenente disposizioni cosi spietate da far dire che erano state “scritte col sangue”.

dulce et decòrum est pro patria mori
Latino: è dolce e bello morire per la patria. Con questo verso (Odi, III, 2, 13) Orazio incitava i giovani romani a emulare l’eroismo dei loro antenati.

dulcis in fundo
Latino: il dolce viene in fondo. Proverbio citato a proposito di un avvenimento a lieto fine, ma più spesso, con ironia, di notizie spiacevoli, lasciate per ultime nel racconto. Il senso è analogo a ora viene il bello.

dura lex, sed lex
Latino: dura è la legge, ma è la legge. Il motto afferma il dovere e la necessità di piegarsi alla legge, anche se dura, perché il principio ispiratore della legge va salvaguardato a beneficio di tutti.

Vignette Satiriche
















Orale: Amicizia (Parte Prima)

Parole chiave:celi2-3
cinema, seduti in prima fila
il pop corn, film, sala vuota,
divertimento, tempo libero

 Parole Chiave celi3
festa di laurea, 
portano le toghe,
felici, universita


Siete d'accordo con l'affermazione a sinistra?
Secondo voi l'amicizia e cosi importante e perche?

 Parole Chiave: celi3
estate,si sono arrampicati sulle rocce, tuffarsi, costume da bagno,
divertimento, pericolo, adrenalina

Orale: Secchielli

Legga il prossimo brano e cerchi di spiegare di che cosa si tratta e quanto le informazioni contenute siano utili:

secchielli siliconeIl problema, andando in spiaggia con i più piccoli, non è tanto prestare loro attenzione – questo lo diamo per scontato – o proteggerli con la crema solare adeguata – questo è sottinteso – ma riuscire a far stare tutto nella sacca per il mare e arrivare a destinazione senza aver dimenticato nulla e senza sembrare di essere pronti ad attraversare gli oceani con bagagli degni di un viaggio da giro del mondo.
Mamme e bambini hanno bisogno di avere tutto l’occorrente a portata di mano quando sono fuori ma spesso sono i giochi da spiaggia a richiedere più spazio di tutto il resto. I secchielli, per esempio, sono davvero ingombranti. A meno che non ne abbiate uno di questi che vedete in foto, morbidi e pieghevoli perché in silicone. Inoltre si possono utilizzare anche come recipienti per i giochi nella cameretta una volta finita l’estate.
http://www.bebeblog.it

lunedì 22 novembre 2010

Completate con le preposizioni...

Completate con le preposizioni:

Sareste disposti ……cambiare stile…….. vita, addottandone uno completamente sano, solo ….. migliorare la vostra salute o solo ….cambio …. denaro? È l’iniziativa …. una piccola isola …. Pacifico, ….. Australia e Nuova Zelanda, che farà molto parlare ….. sé: il governo ha chiesto …. abitanti …. aderire a modelli …. vita più salutari …. cambio….. un compenso ….. denaro. Lo scopo è sconfiggere l’obesità e ilriscaldamento globale. Progetto ambizioso.
Solo duemila sono gli abitanti …..isoletta e hanno risposto …. enorme entusiasmo. Ogni abitante che aderirà all’iniziativa riceverà una card che utilizzerà ogni volta che fa la spesa, acquista carburante, paga l’elettricità. …..questo modo i propri consumi verranno monitorati. Chi sarà più diligente recupererà il denaro speso, mentre gli altri pagheranno …. tasca propria.
Ci si domanda però se l’impatto …. turismo – l’isola ogni anno accoglie circa 30.000 turisti – possa vanificare questi sforzi o se non possano essere coinvolti anche loro all’arrivo …..isola: è una possibilità che si sta valutando seriamente ….. Norfolk, che è il nome …..piccola isoletta intraprendente. Che ne pensate?

Emancipazione femminile

Emancipazione femminile

Illustra i momenti e i fatti salienti che hanno caratterizzato il processo di emancipazione femminile nel nostro paese.

Svolgimento:
Nel secolo XIX cominciarono a comparire in Inghilterra e negli Stati Uniti i primi movimenti e gruppi di cosiddette "sufragette". Erano le donne che prendevano coscienza dei propri diritti e reclamavano la possibilità di votare. L'obiettivo era che il suffragio fosse realmente universale, e non universale solo degli uomini. È logico che tale movimento ebbe il suo sorgere negli stati in cui già da tempo era in vigore l'esercizio della democrazia rappresentativa, anche perché spesso in quella società persisteva un'oppressione puritana dalla quale le donne volevano giustamente liberarsi (vedi La lettera scarlatta di Nathaniel Hawtorne e soprattutto i romanzi di Virginia Woolf). Queste idee si realizzarono all'inizio del secolo XX, con le prime leggi che concedevano quel diritto appunto in quegli stati. E in Italia? Si dovette aspettare il 2 giugno 1946 per vedere riconosciuto questo diritto, in verità più per la presa di coscienza di alcuni uomini politici illuminati e di poche donne politiche, come Nilde Jotti, che non per la presenza di un vero e proprio movimento femminile nel nostro paese. Quest'ultimo si ebbe solo sull'onda delle manifestazioni studentesche del 1968, con la nascita dei primi collettivi femministi. Si passò in pochi anni da canzoni come "Non ho l'età" ad altre di carattere opposto, come "Non sono una signora". Molte più donne incominciarono perfino a far politica, soprattutto nei ranghi del Partito Radicale, come Adele Faccio e la giovane Emma Bonino, o dei partiti della sinistra, ma anche della Democrazia Cristiana, come Tina Anselmi, che fu anche il primo ministro donna della nostra repubblica. In questa fase il processo di emancipazione non investì più solo il piano della rappresentanza politica, ma si spostò in tutti i campi della società. Si arrivò allora a dichiarazioni "radicali", del tipo: "l'utero è mio e me lo gestisco io" a "l'uomo a casa e la donna al lavoro", ecc... Sembrava che la donna, per liberarsi, dovesse abbandonare il ruolo di madre e tutta la sua femminilità. In fondo anche questa poteva diventare una vittoria dell'uomo, che riusciva a rendere "maschile" anche l'altro sesso. Molti film insistono ancora oggi su una immagine virile della donna, che diventa poliziotto, soldato, e supera l'uomo in un campo che non è il suo (la violenza e la sopraffazione). In altri film commerciali la donna torna ad essere oggetto stupido e inconsapevole nelle mani dell'uomo gaudente (vedi le varie serie di Vacanze di Natale e simili). Forse sono le donne-registe come Jane Campion le uniche che  riescono a descrivere l’universo femminile con intensità senza cadere negli slogan. Dal punto di vista politico, qualche anno fa è nato il ministero delle pari opportunità, proprio perché talvolta le affermazioni di diritto non coincidono con quelle di fatto, e le donne faticano ancora oggi ad occupare tutti i posti che sono ricoperti dagli uomini. Il cammino, a quanto pare, è ancora lungo.

Domande
  1. Di che cosa si occupa il testo?
  2. Qual e la posizione dell’ autore secondo l’ emancipazione femminile?
  3. Secondo te, che cosa e cambiato  gli ultimi decenni al ruolo della donna?

Modi di dire Cazzo..

1) RAZZISTA : NEGRO DEL CAZZO

2) MECCANICO : CHE MOTORE DEL CAZZO

3) CHIRURGICA : PROSTATA OPERAZIONE SUL CAZZO

4) TURISTICA : CHE POSTO DEL CAZZO

5) SPORTIVA : M I L A N UNA SQUADRA DEL CAZZO

6) GASTRONOMICA : QUESTA MINESTRA NON SA DI UN CAZZO

7) DISGUSTOSA : FA SCHIFO AL CAZZO

8) VOLGARE : CAZZO CAZZO CAZZO CAZZO CAZZO CAZZO CAZZO

9) CRUCCA : KAZZO

10) RELIGIOSA : CAZZO DI BUDDA

11) ZOOLOGICA : ALLA CAZZO DI CANE

12) OSSEQUIOSA : BACIAMI IL CAZZO

13) EDUCATIVA : TANTI SALUTI AL CAZZO

14) DISTRUTTIVA : NON SPACCARMI IL CAZZO

15) PESSIMISTA : NON C'E' UN CAZZO DA FARE

16) OTTIMISTA : GUARDA CHE CAZZO

17) PANNELLIANA : SCIOPERO DEL CAZZO

18) LAVORATIVA : NON ABBIAMO UN CAZZO DA FARE

19) STITICA : NON CAGARMI IL CAZZO

20) TELEVISIVA : IMMAGINI DEL CAZZO

21) DUBBIOSA : DOVE CAZZO SONO

22) FILOSOFICA : CHI CAZZO SIAMO, DA DOVE CAZZO VENIAMO, DOVE CAZZO ANDIAMO

23) CONFUSIONARIA : IL PRESERVATIVO MI STA' SUL CAZZO

24) TOSSICA : CHE ROBA DEL CAZZO

25) ZITELLA : CAZZO ???

26) DIVERSA : PENE

27) OMESESSUALE : CULO

28) LESBO : FICA

29) NORMALE : NO NO CAZZO CAZZO

30) CULINARIA : CAZZO CHE MANGIATA

31) CULINARIA 2 : AHIII UN CAZZO NEL CULO

32) NINFOMANE : DATEMI 1000 CAZZI E VI SUCCHIO IL MONDO

33) MITOMANE : LETTERE DEL CAZZO

34) REGALE : IL MIO CULO PER UN CAZZO

35) SFIGATA: SE MI CADE IL CAZZO, RIMBALZA E MI SI PIANTA NEL CULO

36) SAGGIA : NON E' TUTTO CAZZO QUEL CHE E' DURO

37) SAGGIA 2 : NON E' SEMPRE DURO CIO' CHE E' CAZZO

38) SAGGIA 3/VERA : NON E' MAI DURO IL NOSTRO CAZZO

39) JOHN HOLMES : CAZZO CHE CAZZO (OVVERO 32 cm DI DIMENSIONE ARTISTICA)

40) REALE : CI SIAMO ROTTI IL CAZZO

41) FUTURISTICA : IO CAZZERO' TU CAZZERAI EGLI CAZZERA' NOI CAZZEREMO.....

42) GEOMETRICA : CAZZO X CAZZO X 3,14

43) DOLCE : CAZZATTA

44) ANARCHICA : LIBERO CAZZO IN LIBERO STATO

45) NINFOMANE : SIIIIII SIIIIII SIIIII SIIIIII

46) ANTIPROIBIZIONISTA : LIBERO CAZZO IN MODICA QUANTITA'

47) SOCIALISTA : CAZZO RUBI

48) DEMOCRISTIANA : CAZZO PREGHI

49) LEGHISTA : CAZZO DURO

50) FASCISTA : BOIA CHI CAZZO

51) COMUNISTA : CHI CAZZO SIAMO PIU' ???

52) LISTA PANNELLA : E ORA CON CHI CAZZO STO ???

53) DIABETICA : CAZZI AMARI

54) CHIMICA : CAZZI ACIDI

55) APPIGLIO: ATTACCATI AL CAZZO

56) ITTICA : COZZA

57) INCIDENTE : COZZO

58) AUDIOLESO : CHE CAZZO DICI

59) TIROLESI : ALLALLALLAIIUUUU

60) TIROLESO : NON MI TIRA PIU' IL CAZZO

61) FINALE : NON CI VIENE IN MENTE UN CAZZO DI NUOVO

62) LATINA: CAZZUM

63) VELISTICA : CAZZO LA RANDA

64) FINALE 2 : ....O

65) CONTRARIO : OZZAC

66) ROMANTICO : AL CAZZO NON SI COMANDA

67) PURITANA : --OMISSIS--

68) INTERESSATA : IL PROSSIMO E' SIMPATICO

69) GODURIOSA : SUCCHIA E LECCA...LECCA E SUCCHIA ...

70) PIU' : E CHE CAZZO, E' GIA' FINITO

71) PUBBLICITARIA : CAZZO E SAI COSA SUCCHI

72) MIOPE: NON SI VEDE UN CAZZO

73) INFLAZIONISTICA : CAZZO COSTA UNA MELA ???

74) PROVERBIALE : UN CAZZO AL GIORNO LEVA IL MEDICO DI TORNO

75) DENIM : PER L'UOMO CHE NON DEVE CHIEDERE UN CAZZO

76) FICA : IL PARADISO DEL CAZZO

77) GFHGJRUYT : NON VUOL DIRE UN CAZZO

78) OTTIMISTA : NON TUTTO IL CAZZO VIEN PER NUOCERE

79) TESTIMONI DI GEOVA : SCASSA CAZZI

80) CAPPELLA : FINE DEL CAZZO

81) SPERMA : SPREMUTA DI CAZZO

82) SWATCH : OROLOGI DEL CAZZO

83) ACCRESCITIVA: CAZZONE

84) DIMINUTIVA : CAZZINO

85) SUPERLATIVA : CAZZISSIMO

86) VEZZEGGIATIVA : CAZZETTO

87) RICCARDO SCHICCHI : REGISTA DEL CAZZO

88) MOANA POZZI : ARTISTA DEL CAZZO

89) MAURIZIA PARADISO : PRIMA AVEVA IL CAZZO

90) EVA ROBIN'S : IL CAZZO CE L'HA ANCORA

91) VERGINE : PAURA DEL CAZZO

92) CLOCHARD : VITA DEL CAZZO

93) VIBRATORI : IMITAZIONE DEL CAZZO

94) TAMBURELLO : SPORT DEL CAZZO

95) IGNORANTE : NON SAPERE UN CAZZO

96) POMPINO : SI FA SOLO AL CAZZO

97) MAZZO : DA NON CONFONDERE COL CAZZO

98) FILM PORNO : LAVORO DEL CAZZO

99) -1 ALLA FINE DEL CAZZO

100) LA FINE DEL CAZZO

101) LA CAZZATA CONTINUA

102) ANAGRAMMA : ZOZAC

103) CULINARIA : CAZZI IN BOCCA ALLA ROMANA

104) LATINA : CAZZO ERGO SUM

105) INDOVINELLO : CE L'HANNO GLI UOMINI MA PIACE ALLE DONNE

106) LA SOLITA CHECCA : E NON SOLO ALLE DONNE ... PAZZA

107) VALUTARIA : LA LIRA NON VALE UN CAZZO

108) POVERO : NON AVERE UN CAZZO

109) MONARCHICA : 'O CAZZ E COMME 'O RE

110) PERIPATETICA : CAZZO DICE ???

111) OVVERO MIGNOTTA : IL CAZZO E' IL MIO MESTIERE

112) TURISTICA : VAI A DAR VIA IL CAZZO

113) ALLA PORTA : RAPPRESENTANTE DEL CAZZO

114) LA SOLITA CHECCA 2 : MA NON ERA IL CULO

115) FISICA : CAZZO, TUTTO IL RESTO E' RELATIVO

116) CAZZO : OUI C'EST MOI

117) MITICA : CHI E' SENZA CAZZO SCAGLI LA PRIMA PIETRA

118) DONNA : CAZZO SI FA PER TE

119) ONANISTA 2 : IL CAZZO E' MIO E LO GESTISCO IO

120) FEMMINISTA : COL DITO COL DITO ORGASMO GARANTITO...

121) FEMMINISTA 2 : COL CAZZO COL CAZZO E' TUTTO UN ALTRO ANDAZZO

122) SKIN-HEAD : CAZZO CON LE ORECCHIE

123) PITTORE : PICAZZO

124) POETICA : T'AMO PIO CAZZO...

125) POETICA 2 : IL CAZZO AGLI IRTI COLLI SGOCCIOLANTE SALE

126) INDICATIVO : CHE CAZZO VUOI ???

127) MILITARE : AAATTTENTIII AAALLLL CCAZZO

128) CARABINIERI : VEDI PUNTO 83

129) BRICOLAGE : MAL CHE VADA ...SEGA ]]]]

130) GRAVIDANZA : SCHERZO DEL CAZZO

131) CULT MOVIE : EASY RIDER, CAZZO CHE FILM

132) PUZZLE : GIOCO DEL CAZZO

133) IELLA : CAZZO CHE SFIGA

134) GUITTO : COMICO DEL CAZZO

135) CRAXI : POLITICO DEL CAZZO

136) CIBERNETICA : NON SI CAPISCE UN CAZZO

137) PENSIEROSO : HO TANTI CAZZI PER LA TESTA ...

138) TRANSEX : HO IL CAZZO E VOGLIO LA FICA MA COL CAZZO GUADAGNO DI PIU'

139) ERGONOMICA : BICAZZO MONOPALLA

140) CIRCOINCISA : AHIA AHIA AHIA

141) CIRCOINCISA 2 : CAZZO SENZA SCIARPINA

142) BIDET : IUHUUU SI VA' IN PISCINA

143) FIABESCA : BIANCANEVE E I 7 CAZZI

144) FIABESCA 2 : LA PRINCIPESSA SUL PISELLO

145) FIABESCA 3: 20.000 SEGHE SOTTO I MARI

146) FIABESCA 4 : IL CAZZO CON GLI STIVALI

147) FIABESCA 5 : GLI STIVALI DELLE SETTE SEGHE

148) FIABESCA 6 : CAPPUCCETTO ROTTO

149) FIABESCA 7 : LA FATA TURCHINA A PINOCCHIO: RACCONTA TANTE BUGIE

150) CAZZO ALL'ESTERO : CABEZA DE POJA

151) ROMANTICA : CAZZO MIO, CAZZO MIO, PER PICCINO CHE TU SIA ...

152) ESAGERATA : CAZZO MIO FATTI CAPANNA

153) FUMATORE : CHE SIGARO DEL CAZZO

154) FUMATORE 2 : QUESTO CAZZO SA DI SIGARO

155) FUMATORE 3 : QUESTO CAZZO MI SEMBRA UN SIGARO

156) FUMATRICE : QUESTO SIGARO SA DI CAZZO

157) MONTONE : ANIMALE DEL CAZZO

158) FALEGNAME MODERNO : IO VADO DI SEGHE ELETTRICHE

159) MATRIMONIALE : DUE CUORI E UN CAZZO

160) LA SOLITA CHECCA : PERCHE' UN SOLO CAZZO ???

161) LESBO-MATRIMONIALE : CHE CE NE FACCIAMO DEL CAZZO ???

162) PROVERBIALE 2 : DI CAZZO CE N'E' UNO SOLO

163) COCKTAIL : UNA "C" DURA UNA "A" DOLCE DUE SPRUZZATE DI "Z"

UNA ABBONDANTE "O" FINALE SMANETTARE VELOCEMENTE SERVIRE CALDO E DURO

OTTERRETE UNO SPLENDIDO APERITIVO DEL CAZZO

N.D.R. NON SBATTERE TROPPO ALTRIMENTI FA IL BURRO ...


164) PLAYBOY : PROTOTIPO DEL GIORNALE DEL CAZZO

165) LE ORE : LA BIBBIA DEL GIORNALE DEL CAZZO

166) LA SOLITA CHECCA : IO LEGGO SOLO BLACK STUD ...PAZZE...

167) MENEFREGHISTA : ME NE BATTO IL CAZZO

168) INCUBO : SCIVOLARE SU UNA LAMETTA E FRENARE CON LA CAPPELLA

169) OTTIMISTA : HO IL CAZZO MEZZO DURO

170) PESSIMISTA : HO IL CAZZO MEZZO MOLLO

171) FINANZIARIA : OGNI CAZZO SUPERIORE A Cm 8 SARA' OGGETTO DI TASSAZIONE

172) FINANZIARIA 2 : DA 0 A 8 Cm E' PREVISTO IL RIMBORSO

173) FINANZIARIA 3 : DA 8 A 12 Cm OGGETTO DI LARGO CONSUMO TASSA DI L.80.000

174) FINANZIARIA 4 : DA 12 A 18 Cm OGGETTO DI LUSSO TASSA DI L.80.000+100.000

175) FINANZIARIA 5 : OLTRE I 18 Cm OGGETTO DI SUPER LUSSO TASSA DI L.100.000

PER OGNI Cm DI LUNGHEZZA , OBBLIGO DI CITAZIONE SUL 740.


176) FINANZIARIA 6 : COME ESATTORE E' STATO SCELTO .....LA SOLITA CHECCA

177) BALBUZIENTE : C..CA..CA..CAZZO

178) MITRAGLIATRICE : CAZZOCAZZOCAZZOCAZZOCAZZOCAZZOCAZZO

179) PARCHEGGIARE : MANOVRA DEL CAZZO

180) APPUNTAMENTO : MA QUANDO CAZZO ARRIVA ???

181) DIABETICO 2 : PER LUI SOLO CAZZI AMARI

182) SOSPENSORIO : PARACAZZO

183) CODICE FISCALE DEL CAZZO : CZZ

184) INGLESE : GOD SAVE THE CAZZ

185) TEDESCO : KAZZEN UBER ALLES

186) RUSSO : KAZZOSKY

187) EXTRACOMUNITARIO : VU CAZZA' ???

188) VIOLENTO : CAZZOTTO

189) ESAGERATO : OTTO CAZZI

190) ATTREZZO DEL MURATORE : CAZZUOLA

191) DIVERBIO : SCAZZO

192) CASTRATO : ...CONDOGLIANZE

193) ELIMINATA AD UN CONCORSO DI BELLEZZA : MISSCAZZO

194) INCUBO 2 : RIMANERE ATTACCATO AD UNA MUNGITRICE CHE SI FERMA AUTOMATICAMENTE SOLO A 150 LITRI


195) ROULETTE UGANDESE : 8 BELLISSIME NEGRE ESPERTE IN POMPE .....UNA E' CANNIBALE.

196) CASTRATO 2 : SCAZZATO

197) PRESERVATIVO NERO : MAI USARLO PERCHE' SNELLISCE UN CASINO

198) FLOREALE : CAZZI A MAZZI

199) RIVOLUZIONARIO : CAZZO MOLOTOV

200) CATARCHICA : MONDA, MONDA, CAZZO MIO, MONDA TU CHE MONDO ANCH'IO

201) NON COLPEVOLE : NON C'ENTRA UN CAZZO

202) SMARRITO : DOVE CAZZO SONO FINITO ???

203) ORGANO GENITALE FEMMINILE : IL POSTO PIU' UMIDO DOVE INFILARE IL CAZZO

204) SPOSSATO : CAZZO NON CE LA FACCIO PIU'

205) INCUBO 3 : AVERE IL CAZZO DI LEGNO E LE MANI DI CARTAVETRO

206) SEGAIOLO : ROVINARSI IL CAZZO CON LE PROPRIE MANI

207) EGOISTA : CAZZI MIEI

208) GENEROSO : CAZZI TUOI

209) COMPLICE : CAZZI SUOI

210) SOCIEVOLE : CAZZI NOSTRI

211) SPIETATO : CAZZI VOSTRI

212) RICETTA 2 : CONIGLIO IN CAZZERUOLA

213) CANTANTE POP : CAZ STIVENS

214) OPERAIO SFIGATO : CAZZINTEGRATO

215) BATTAGLIA : TAGLIACOZZO

216) AUTOLOSIONISTA : ME NE BATTO IL CAZZO

217) AUTOLESIONISTA 2 : MI ROMPO IL CAZZO

218) AUTOLESIONISTA 3 : MI SONO SCAZZATO

219) LA PATRIA : KAZZIGHISTAN

220) ANTICO DETTO : CAZZI E BUOI DEI PAESI TUOI

221) ANTICO DETTO 2 : CHI ROMPE PAGA E I CAZZI SONO SUOI

222) MOBILE RUSTICO : CAZZAPANCA

223) BANCARIO : CAZZIERE

224) SCRIVERE TUTTO CIO' : CAZZEGGIARE

225) COLUI CHE SCRIVE : CAZZERELLONE

226) CI SIAMO ROTTI IL CAZZO 

Epressioni idiomatiche con parti del corpo..


Occhi

occhio per occhio dente per dente         
occhio per occhio fa il mondo cieco      
lontano dagli occhi lontano dal cuore
in un batter d'occhio                              
in un batter di ciglio                      
a colpo d'occhio
costare un occhio                                   
costare un occhio della testa
occhi di bue
occhio d'aquila                                      
occhio clinico
occhio non vede cuore non duole         
occhi a mandorla
occhi assassini
occhi che mandano fiamme
occhi impastati di sonno
occhi color carbone
sotto l'occhio vigile di
vedere qualcosa con altri occhi
fare gli occhi dolci a qualcuno
fare un occhio nero a qualcuno.
la pasta mi esce dagli occhi 
saltare o balzare agli occhi 
occhi ladri
occhi spenti
dare nell'occhio
guardare qcn. con la coda dell'occhio
tenere gli occhi bene aperti 
aprire gli occhi a qualcuno
vedere qualcuno di buon occhio
chiudere un occhio;non ho chiuso occhio
tenere d'occhio qualcuno
visibile a occhio nudo 
sognare a occhi aperti
trovare la strada a occhi chiusi
buttare o gettare l'occhio su 
avere occhi per 
avere gli occhi foderati di prosciutto 
a perdita d' occhio
a quattr'occhi
essere nell'occhio del ciclone 

Naso

naso alla francese
naso all'insù
naso a patata
avere il naso chiuso 
parlare con il naso
non ho messo il naso fuori 
ce l'hai sotto il naso
avere naso (per qcs.) 
menare o prendere qcn. per il naso
non vedere più in là del proprio naso
passare sotto il naso di qualcuno
arricciare o storcere il naso per qualcosa
rimanere o restare con un palmo di naso
avere la puzza sotto il naso


Bocca

prendere qcs. per bocca
baciare qcn. sulla bocca;
respirazione bocca a bocca
con la o a bocca aperta
guardare qcn. con la bocca aperta.
avere sei  bocche da sfamare t
lasciare l'amaro in bocca 
storcere la bocca davanti a qcs. 
non ha aperto bocca tutta la sera  non sa
tenere la bocca chiusa! 
non chiude mai (la) bocca
avere la bocca cucita 
tappare la bocca a qcn. 
mi hai tolto la parola di bocca
cavare le parole di bocca a qcn. 
essere sulla bocca di tutti 
passare di bocca in bocca
restare a bocca aperta 
è rimasto a bocca aperta! 
restare a bocca asciutta 
ammettere a mezza bocca
essere di bocca buona
metter bocca in qcs. 
fare la bocca a qcs. 
in bocca al lupo!