Ιταλική γλώσσα

Ένα ιστολόγιο αφιερωμένο στην Ιταλία, στην ιταλική γλώσσα και στην εκμάθηση της...
English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified

giovedì 1 marzo 2012

Past Papers: Diploma Novembre 2006


     ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA DI ATENE



N.o posto ______________






                  DIPLOMA DI  PRIMO GRADO




SESSIONE  AUTUNNALE 2006


                 

A. Prova di comprensione di testi scritti
B. Prova di competenza linguistica
C. Prova di comprensione di testi orali








Cognome: ..............................................................................

Nome: ....................................................................................






Sede: ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA IN ATENE


Sala: ......................







A. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI SCRITTI


TESTO N. 1

Leggere attentamente il seguente testo e indicare con una X l'affermazione corretta tra quelle proposte

Scuola: (non) arriva il tutor
Da quando hanno cominciato a riaprirsi i portoni delle scuole, una parola corre sulle labbra di tutti. E’ “tutor”. Nelle Università inglesi è un professore incaricato di seguire negli studi un gruppo di studenti. In Italia è il primo passo della riforma della scuola elementare e media, che potrebbe diventare realtà. Dovrebbe. Perchè la maggior parte delle scuole il tutor non l’ha ancora nominato. Tanto che lo scorso 24 agosto il ministero dell’Istruzione ha minacciato di sanzionare i dirigenti ritardatari. Ma che compiti ha questa nuova figura scolastica ? “Il tutor è un insegnante incaricato di seguire una classe lungo tutto il percorso di studi: cinque anni nelle elementari e tre nelle medie” spiega Silvio Criscuolo, direttore  generale degli ordinamenti scolastici del ministero dell’Istruzione. “Ogni istituto sceglierà tra i docenti di una classe  quello che ritiene più adatto a ricoprire l’incarico. Il suo compito sarà coordinare le attività didattiche della classe e incontrare periodicamente le famiglie”. Ma con quali vantaggi? “Il tutor riceverà una formazione specifica e nei primi tre anni di scuola trascorrerà con gli alunni più tempo degli altri insegnanti. In questo modo potrà individuare per ogni studente il percorso di studi più adatto” dice Criscuoli. Restano da spiegare i ritardi nelle nomine. “Le scuole non hanno individuato i tutor perchè la riforma  non ha ancora chiarito in base a quali criteri vanno scelti e quanto pagarli” spiega Rita Candoloro della segreteria nazionale della Cgil scuola. Nelle elementari, inoltre, a molti il tutor ricorda il “maestro unico” di una volta. “Oggi ogni classe ha tre insegnanti, ognuno specializzato in una materia: lingua, scienze, storia” dice Candoloro. “Se uno diventa tutor, nei primi anni dovrà insegnare più discipline, pur essendo competente soltanto in alcune . Non ci sembra un vantaggio per gli alunni nè per le famiglie”. Prima di vedere i tutor nelle nostre aule, quindi, dovremo attendere ancora un pò. Ma alla fine arriveranno. “Non c’è una data entro la quale le scuole sono obbligate a nominarli” precisa Candoloro “anche se sarebbe preferibile venissero individuati nella fase iniziale dell’anno scolastico.
                                                   da: Donna Moderna, 27 luglio 2005

TESTO  N. 1


1. Nelle scuole inglesi il tutor

a.  è il direttore della scuola
b.  è l'organizzatore dei corsi
c.  segue alcuni degli studenti
d.  ha  degli incarichi pesanti

2. Nella maggior parte delle scuole italiane i tutor sono

a. presenti già da tempo
b. attivi nelle elementari
c. attivi in tutte le classi
d. in attesa di nomina


3.  Nelle scuole italiane il tutor

a. sarà un coordinatore didattico
b. terrà i contatti con il ministero
c. sceglierà i docenti  più adatti
d. deciderà il calendario scolastico

4. Il ritardo delle nomine è dovuto

a. al fatto che mancano i fondi
b. all'assenza di informazioni
c. alla mancanza di criteri chiari
d. alla mancanza di corsi adatti


5. Il tutor dovrà insegnare

a. discipline umanistiche
b. scienze specialistiche
c. molte discipline
d. una sola materia 











TESTO N.2

Leggere attentamente il testo e indicare  a quali frasi del testo si riferiscono quelle sotto elencate.

Loro dicono: meglio sole. E le italiane?
1. Sono l’ avanguardia , la punta dell’ iceberg dell’indipendenza femminile. Sharon Stone e Angelina Jolie hanno adottato il loro secondo bambino da single. E hanno lanciato il guanto della sfida al cosiddetto sesso forte: sono bella, ricca, famosa, e non ho bisogno di te, nemmeno per diventare mamma. Secondo il nostro sondaggio, condotto dalla SWG di Trieste, ben il 75 per cento delle italiane trova la scelta di adottare un figlio senza un padre coraggiosa, approvandola, quindi. Ma se negli Stati Uniti si può fare, qui in Italia la legge lo vieta.
“E’ una scelta legittima” afferma la sociologa Marina Piazza, autrice del saggio Un pò di tempo per me (Mondadori). “Ma una donna con uno stipendio di 1.000 euro al mese, e magari senza i contributi del padre, fa molta fatica a far quadrare i conti. Le attrici famose si possono permettere uno stuolo di tate. L’impiegata media no”. Secondo una forte minoranza delle nostre intervistate, il 36 per cento, basterebbe l’amore dei figli per sentirsi appagate. Insomma l’assenza del partner per molte non è un disastro. Basta rimboccarsi le maniche e sudare come uno sherpa.
2. “Devo lavorare sette giorni su sette” rivela Alessandra De Vizzi, autrice di Mamma single con orgoglio ( Sperling & Kupfer), “ma per mio figlio farei di più, inventerei anche la settimana di otto giorni. La cosa importante è avere una famiglia allargata, una rete di amicizie che ti sostenga. Il vero  problema è che, quando dici che in casa non c’è un uomo, ti guardano strano. I pregiudizi sono duri a morire”.
Eppure come ci racconta l’etologo Giorgio Celli, “In natura è prassi consolidata mettere su famiglia senza un compagno fisso. Le leonesse sono fanciulle spregiudicate: nella stagione degli amori ci sono grandi ammucchiate, tutte vanno con tutti”. Però, sinceramente, non mi sembra un esempio da seguire. Sono per l’assoluta parità tra i sessi, ma togliere all’uomo la paternità mi pare veramente troppo.
                                                                da:  Donna Modern, 3 Agosto 2005
TESTO N. 2

 (paragrafo 1)

1. ai maschi

­­­­­­__________________________________________

2. più di una baby sitter

­__________________________________________

3. a renderle felici

­­­­­­__________________________________________

4. darsi da fare

­­­­­­__________________________________________

(paragrafo 2)

5. tutta la settimana

­­­­­­__________________________________________

6. un gruppo di persone care

­­­­­­__________________________________________

7. resistono con forza 

­­­­­­__________________________________________

8. è un'abitudine ormai comune

__________________________________________





TESTO N. 3

Ricostruisci il testo combinando le varie parti date in ordine sparso. 

Volumi preziosi e arredi ottocenteschi


1. .............

2. .............

3...............

4. .............

5. .............

6. ..............

7. ..............
a)
La libreria antiquaria, che tratta volumi dal XV secolo al XX, oggi si occupa anche del settore romanistico, della storia dell'arte e vanta una specializzazione in aral-dica. Diventata un punto di ritrovo, spesso apre le sue sale in occasione di eventi culturali.
b)
Dopo un primo trasferi-mento in via Zanardelli dove era rimasta fino al 1950, ecco il nuovo cambiamento, questa volta nella sede attuale, in via Febo. L'antica sartoria, però, in qualche modo ha conti- nuato a vivere perché i suoi pregiati mobili ottocenteschi sono stati integralmente conser-vati e utilizzati per la libreria.
c)
sulle immagini ma- riane delle chiese della capitale ripro-dotte in  incisioni d'epoca, e sulle fon-tane, fino a quella sulla rivoluzione  francese nella quale sono stati presentati anche medaglie e ritratti.

d)
A partire dalla metà dell'Ottocento e per oltre un secolo era stata una sartoria adibita alla confe-zione di paramenti, abiti e passamaneria ecclesiastica, un am-biente e un angolo di Roma molto caratteristici.
e)
La libreria, infatti, fa parte dell'asso-ciazione "Alma Ro-ma" in collabora-zione della quale organizza mostre a tema. In passato ha suscitato molta cu-riosità quella sui "santini", alla quale ne hanno fatto seguito altre:
f)
Fondata dall'avvoca-to Rodolfo Cascia- nelli nel 1930,   originariamente ave-va sede in quello che oggi si chiama corso del Rinasci-mento e trattava di preferenza, oltre a volumi rari e pregia-ti, anche testi giuridici.
g)
Cent'anni dopo, il grande cambiamen-to: la sartoria cede il passo a un diverso esercizio commer-ciale. Il mutamento, però, avviene all' insegna della qualità perché allo storico laboratorio subentra la prestigiosa Antica Libreria Cascianelli, un punto d'incontro irrinunciabile per bi-bliofili e appassio-nati  di antiquariato.

                                                                 
                                                                    da : Bell'Italia, giugno 2005






B. PROVA DI COMPETENZA LINGUISTICA


1. Completare il seguente testo con la parola mancante ( usare una sola parola)

Hi-tech, che passione!
    Una recente indagine del Censis  rivela che noi amiamo comprare i prodotti hi-tech, ma poi li usiamo poco. Il 77,6 per cento degli italiani 1. .......................  almeno un telefonino, ma lo 2. .. .................... appunto, per telefonare, o mandare 3. ......................... e eventualmente scattare foto. Le 4. ...................... funzioni, per esempio, collegarsi a Internet  (lo 5. ...............  l’1,8 per cento) o giocare (6 per cento,  e  6. .................... fanno ovviamente i più piccoli), vengono ignorate. E lo 7. ........................... avviene con il computer, che lo hanno 8. ..................... tutti, ma viene usato solo per le 9. .................... funzioni base. Semplicemente non hanno il 10. .......................... di studiare manuali complicatissimi  e 11. ......................come le Pagine Gialle ( perché non li fanno un pò  12. ...................  semplici e piccoli?).
                                                              da: Donna Moderna, 23 marzo 2005




2. Completare il seguente testo con gli elementi grammaticali mancanti.

Rafforza la sua autostima.

   Nei giochi di squadra, nessuno lo vuole. In spiaggia, prima o poi, è il bersaglio di battute sgradevoli. 1. .................. è obeso, a causa dei chili in più, è costretto a vivere situazioni di disagio. Come aiutarlo? "Ci sono genitori portati a sminuire la situazione, altri che 2. .................. vivono con ansia eccessiva: entrambi sono atteggiamenti controproducenti" chiarisce Simona Spigno, psicologa presso la Clinica pediatrica 3. .................. Ospedale Gaslini di Genova. Il ragazzino in sovrappeso ha bisogno, piuttosto, di essere ascoltato 4. .................. compreso". A lui serve rafforzare il più possibile la 5. ................... autostima: "Mamma e papà devono convincerlo che ha  6. ................... caratteristiche, oltre a 7. ................... chiletti in più: un sorriso simpatico, un'abilità particolare nel disegno, per esempio. Va incoraggiato a essere fiducioso, 8. ................... il sovrappeso è qualcosa che può essere controllato e contenuto". E 9. ..................viene scoperto a mangiare di nascosto? "Accrescere i suoi sensi di colpa non serve. La sua debolezza non va considerata un insuccesso irreparabile, ma un punto da 10. .................. ricominciare.
  
                                                                   da : Donna moderna, 20 luglio 2005
3. Completare il seguente testo scegliendo la parola giusta tra quelle indicate (scrivere le parole sul testo).

Come garantirsi una buona notte

Per molto tempo mi sono coricata tardi la sera. Ho cominciato perciò ad avere difficoltà ad addormentarmi. Andare a dormire può sembrare una cosa normale per chi non ha 1.................... di insonnia. Ma per quelle, come me, che fanno fatica ad addormentarsi, è stato necessario un 2.................... allenamento al sonno. Ho cominciato cambiando abitudini. Ogni sera, mi sono imposta alcune semplici 3....................: piccoli riti da compiere prima di 4....................... sul letto per entrare in un’atmosfera di relax che influisce 5.................... sulla notte. Una buona  tisana calda ma, più della tisana in se stessa i 6..................... per prepararla; una musica, alcune pagine di un libro lette con 7..................... , una candela accesa.
“La vera felicità sta nel riposo, non nel caos” ha scritto il filosofo francese Blaise Pascal. E una casa 8........................ , specchio di una vita dove affanni e stress non prendono il sopravvento, aiuta ad addormentarsi bene.

                                                                         da: Donna Moderna, 2 marzo 2005

1.      problemi - motivi - ostacoli - impedimenti
2.      comodo - sincero - vero - pronto
3.      misure - regole - discipline - avvertenze
4.      distendermi - adattarmi - soffermarmi - piegarmi
5.      assolutamente - concretamente - positivamente - completamente
6.      gesti - cenni - punti - segni
7.      regolarità - attenzione - sistematicità - precisione
8.      dotata - precisa - regolata - ordinata

4.  Inserire nel testo i verbi sotto indicati al modo e al tempo giusti

Inglese in vacanza
1. ridere/ 2. dire/ 3. nascere/ 4. imparare/ 5. scegliere / 6. imparare/ 7. organizzare
8.  alternare / 9. essere / 10. rivelarsi.

Dall’anno prossimo(in prima media) mia figlia dovrebbe studiare a scuola una seconda lingua straniera. In casa 1........................... a crepapelle mentre discutevamo la scelta. “Io 2..........................  l’arabo”  ho detto. E Bianca: “No, è meglio il giapponese!” L’ilarità della scenetta e l’assurdità delle lingue proposte 3........................ dal fatto che parlare di seconda lingua in una scuola dove è difficile 4.......................... anche solo i primi rudimenti dell’inglese, sembra una barzelletta. Non so cosa 5....................... mia figlia l’anno prossimo. M’importa invece che 6........................ l’inglese: così, quest’estate l’abbiamo iscritta a un Summer Camp di due settimane. Ce ne sono diversi in giro per l’Italia 7........................ da varie scuole di lingue e sono un modo per passare una vacanza piacevole, 8............................ escursioni e giochi con lezioni d’inglese. Lì per lì Bianca 9.............................. un pò spaventata, temendo di incontrare ragazzetti ben più esperti di lei. Ma poiché a scuola ci vanno tutti e nessuno riesce ad imparare l’inglese il timore 10......................... infondato.

                                                    da: Donna Moderna, 28 luglio 2004

C. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI


TESTO N. 1

Un incidente

Ascolterete la notizia di un incidente, data durante il telegiornale.

Avete un minuto di tempo per leggere l'attività presentata. Ascoltate due volte il testo e indicate con una X l'affermazione corretta tra quelle presentate. Dopo il primo ascolto avete un minuto di tempo per svolgere l'attività.

1. Il fatto è avvenuto

a. alla periferia della città
b. nel centro della città
c. in piazza Garibaldi
d. nella città di Roma

2. L'incidente è avvenuto perché il conducente dell'auto

a. correva sul marciapiedi
b. ha invertito la direzione
c. è improvvisamente impazzito
d. ha avuto un attacco di cuore

3. L'auto ha investito

a. due uomini
b. due ragazze
c.  tutti i passanti
d. alcuni giovani

4. Il fatto è avvenuto

a. durante la notte
b. all'ora di cena
c. nel tardo pomeriggio
d. la domenica mattina

5. Le persone morte nell'incidente sono

a. 12
b. 13
c.   2
d.  3

   

TESTO N. 2

L'organo della chiesa di San Massimo

Questo testo parla di uno speciale strumento musicale, l'organo della chiesa di San Massimo.

Avete un minuto di tempo per leggere l'attività presentata. Ascoltate due volte il testo e indicate con una X l'affermazione corretta tra quelle presentate. Dopo il primo ascolto avete un minuto di tempo per svolgere l'attività.



1. L'organo della chiesa di San Massimo

    a. ha subito molte modificazioni
    b. è stato costruito nel novecento
    c. è uno dei pochi organi rimasti
    d. ha caratteristiche particolari

2. Il suo costruttore l'ha costruito

    a. all'età di ottantaquattro anni
    b. per ottenere una medaglia
    c. alla fine della sua carriera
    d. per presentarlo ad una mostra

3. Gli esperti dicono che

    a. equivale ad un famoso strumento
    b. è opera dell'organista Cognazzo
    c. è stato acquistato da Stradivari
    d. vale più di un famoso violino

4. L'organo di San Massimo ha

    a. cento canne e una tastiera
    b. tremila canne e una tastiera
    c. tremila canne e tre tastiere
    d. cento canne e tre tastiere

5. L'organo

   a. veniva utilizzato a teatro
   b. presenta un suono strano
   c. ha dei suoni particolari
   d. crea uno strano effetto




6. L'organo ha bisogno di essere

   a. lucidato
   b. restaurato
   c. utilizzato
   d. accordato

7. Il parroco Don Franco Massimo sostiene che

  a l'organo rende in modo parziale
  b. l'organo non è più utilizzabile
  c. le parti meccaniche sono nuove
  d. sono danneggiate le tastiere

8. Per il restauro occorrono

   a. cinquantamila euro
   b. un centinaio di euro
   c. moltissimi anni
   d. un paio di anni 






























TESTO N. 3

La castagna

Ascolterete un testo che descrive i pregi della castagna, un frutto tipico dell'autunno.

Avete un minuto di tempo per leggere l'attività presentata. Ascoltate  due volte il testo e indicate con una X solo le affermazioni presenti nel testo (le affermazioni sono 7). Dopo il primo ascolto avete un minuto di tempo per svolgere l'attività.



1.  Molti considerano la castagna                                                         
     un frutto povero    

2. Anche chi ha la pressione alta  può                                                  
    mangiare le castagne

3. La castagna è costituita per il 50% di acqua                                    
   
4. 100 grammi di castagna contengono circa 60 calorie                      
   
5. Le castagne sono facilmente digeribili                                             

6 . Le castagne provocano allergie  ai bambini                                    

7. La castagna è ricca di proteine                                                          
    
8. La castagna è utile per prevenire  alcune malattie                            

9. Le castagne contengono molte vitamine                                          
    
10. Nella castagna c'è un alto contenuto di potassio                            

11. Nella cucina del nord la castagna occupa un                                  
    posto molto importante

12. La più alta percentuale di calorie si trova                                       
     nella farina








ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA DI ATENE


N.o posto_______________





               DIPLOMA DI  PRIMO GRADO




SESSIONE  AUTUNNALE


                 

D. Prova di produzione scritta






Cognome: ..............................................................................

Nome: ....................................................................................






Sede:  ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA IN ATENE

Aula : ........................






 
 
PROVA DI PRODUZIONE SCRITTA


PROVA N. 1

Esegua uno dei seguenti compiti comunicativi (60-80 parole):

1.
  Legge su una rivista il seguente annuncio:

 “Se non hai esperienza nel campo delle vendite, ma hai un titolo di studio e più di 25 anni, la Henkel, azienda multinazionale tedesca, organizza nel Lazio ed in Sicilia stage di formazione per venditori di cosmetici. Spedire il curriculum al numero di Fax 0233200798”

Risponda all’annuncio, inviando una breve lettera in cui:
-  si presenta, spiegando i motivi per cui è interessato all’offerta
-  chiede ulteriori informazioni a riguardo


2.  Ha prenotato una vacanza di una settimana sulle nevi delle Dolomiti, ma
    gravi motivi di famiglia le impediscono di allontanarsi da casa. Scriva una
    lettera  all'agenzia di viaggio in cui
     - espone i motivi dell'annullamento della vacanza
     - chiede un eventuale rimborso della somma anticipata


PROVA N. 2

Svolga  uno dei seguenti temi (160-180 parole):

1.
"Ha nel cassetto  una storia o un'esperienza personale che vorrebbe sottoporre al giudizio di una nota scrittrice? Invii il racconto alla casa editrice Giovani Promesse, Firenze. Chissà che non lo veda un giorno pubblicato...."



2. E pensare che non volevo partecipare a quel programma! Per fortuna i miei
   amici hanno tanto insistito, ed è grazie a loro se adesso ho vinto questo
   biglietto aereo per due persone con destinazione..............

Continui Lei la narrazione






PROVA N. 1

....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
.....................................................................................................................................
.....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
...................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
.....................................................................................................................................
.....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
.....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
.....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
.....................................................................................................................................
.....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
...................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
.....................................................................................................................................


PROVA N. 2

....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
.....................................................................................................................................
.....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
...................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
.....................................................................................................................................
.....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
.....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
.....................................................................................................................................
.....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
...................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
.....................................................................................................................................
.....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
.....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
.....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
.....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
.....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
.....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
.....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................
....................................................................................................................................








Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Δημοφιλείς αναρτήσεις

Loading...